Ricerca
comunità e distretti

Dio benedice coloro che confidano in lui

“La risurrezione di Cristo è una storia strana” hanno detto i giovani al sommoapostolo. Gli uomini sanno ben poco a proposito dell’onnipotenza di Dio. Malgrado ciò, la guida della Chiesa è sicuro di una cosa: la potenza di Dio non conosce limiti.

 
/api/media/349281/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=1198bbca9307df39d046b5a0d4094d85%3A1651886516%3A8274243&width=1500
 

Domenica 12 maggio 2019, il sommoapostolo Jean-Luc Schneider ha celebrato un servizio divino a Lavistown (Africa australe) sul tema della fiducia e della speranza in Dio e la benedizione che ne scaturisce. La sua predica era basata sulla parola in Geremia 17, 7-8:

“Benedetto l’uomo che confida nel Signore, e la cui fiducia è il Signore. Egli è come un albero piantato vicino all’acqua, che distende le sue radici lungo il fiume; non si accorge quando viene la calura e il suo fogliame rimane verde; nell’anno della siccità non è in affanno e non cessa di portar frutto “.

Nell’Antico Testamento, Dio si aspettava che il popolo eletto gli fosse fedele. Non voleva che si rivolgessero agli idoli né che si fidassero delle loro forze. Anche oggi, Dio ci chiede di confidare in Lui, ha spiegato la guida della Chiesa.

Noi  confidiamo ...

nella parola di Dio. “Colui che si confida in Dio dice: “Va bene, ciò che mi dici è in contrasto con la mia esperienza e con la mia conoscenza. Tuttavia, visto che mi hai chiesto di fare in questo modo e di camminare su questo sentiero, lo farò” Questo è un segno di fiducia: hai 20 motivi di fare un’altra cosa, ma rispetti i comandamenti”.

nell’amore di Dio. “Noi non capiamo tutto ciò che fa Dio. Non posso spiegare l’agire di Dio, non posso capirlo. Ciononostante, noi abbiamo fiducia nel suo amore e sappiamo che qualsiasi cosa faccia, ci vuole guidare nel Suo regno”

nell’onnipotenza di Dio. “Confidare nel Signore significa ugualmente che abbiamo fiducia nella sua potenza. Succede anche che dei giovani, in particolare, vogliono sapere e mi chiedano: “Ma, caro sommoapostolo, come possiamo credere nella resurrezione di Cristo? E’ una storia così strana. Come immagini tutto questo?” - “Non ne ho idea. Non so come abbia potuto togliere Cristo alla morte. Ma lo ha fatto! La potenza di Dio non conosce nessun limite.”

Noi speriamo ...

nella promessa di Gesù. “Gesù ha promesso di ritornare. Dio ha promesso di inviare suo Figlio e di prenderci con Lui e speriamo in questa promessa. Noi non aspettiamo solo che questo possa avvenire un giorno. No, noi ne siamo convinti. Lui verrà, è sicuro.”

nella grazia di Gesù. “Noi restiamo umili. Chiediamo il perdono. Perdoniamo al prossimo. Non agiamo come se meritassimo qualcosa. Speriamo nella grazia di Gesù Cristo. “

nella gloria del regno di Dio. “Quando vengo dall’Europa e apprendo ciò che succede in alcuni paesi e ciò che la gente deve subire, mi dico che ciò non è possibile. Purtroppo, è possibile ed è la realtà. Noi ci ricordiamo allora che la gloria di Dio è al di sopra di tutto ciò. E questa sarà più di una ricompensa per tutte le brutte cose che l’uomo ha vissuto sulla terra. Molto di più.”

Noi siamo benedetti ...

tramite la presenza percettibile di Dio. “Questo è il genere di benedizione che Dio ci vuole dare: colui che ha una gran fiducia e una grande speranza nel Signore è come uno di quegli alberi: qualsiasi cosa accade, nulla può interferire nella sua relazione con il Signore.”

tramite la comunione eterna con Dio. “Colui che si confida in Dio vede oltre, vede più lontano, e sa che Gesù verrà. E questo è un grande conforto.”

tramite il riconoscimento della benedizione di Dio. “Il credente è riconoscente a Dio perché è cosciente del tesoro che ha ricevuto. È cosciente di ciò che Dio farà per lui. È semplicemente riconoscente. Riconoscente per la grazia, riconoscente per la benedizione, riconoscente per il futuro al quale si prepara.

La conclusione del sommoapostolo è la seguente: “Noi abbiamo una fiducia totale nella parola, nell’amore e nella potenza di Dio. Noi speriamo nella sua promessa, nella sua grazia. La benedizione ci permette di percepire la presenza di Dio al nostro fianco, di vedere oltre le difficoltà e di perseverare nel servire Dio e il prossimo.”

 

Fotografie: NAC Southern Africa
Autore: Oliver Rütten
Data: 17.07.2019
Categorie: Fede