Ricerca
comunità e distretti

Cristiani, rallegratevi!

Pasqua è la festa della risurrezione del Signore. Le comunità cristiane la festeggiano come la più importante dell’anno liturgico. È commemorazione e visione nel contempo, perché Cristo è risuscitato affinché anche noi possiamo risuscitare.

 
/api/media/511000/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=26ef079cf44afbb9627d9d2258783223%3A1651886727%3A8969997&width=1500
 

Là dove il pensiero razionale non arriva più, la fede si sente a casa. E l’uomo ha bisogno di credere quando si parla di risurrezione. E non si tratta di cercare e analizzare elementi di prova, come un “profiler” moderno. Tuttavia, non ci può essere risurrezione secondo la propria volontà. Per questo motivo il catechismo neo-apostolico dice saggiamente: “La risurrezione di Gesù Cristo non è un dolce sogno dei suoi sostenitori, per far credere ai posteri ad un miracolo; né rientra nella mitologia: la risurrezione di Cristo è una realtà storica; è successa veramente.” Tutte le Chiese sono d’accordo su questo punto. Pertanto, ci sono da molti secoli delle discussioni controverse a proposito di questo evento miracoloso.

È risorto!

Ai tempi di Paolo, già, questo tema era discusso. Senza la risurrezione, la nostra fede è vuota, vana dice l’apostolo dando un’occhiata verso la generazione attuale: “Ora se si predica che Cristo è stato risuscitato dai morti, come mai alcuni tra voi dicono che non c’è risurrezione dei morti? Ma se non vi è risurrezione dei morti, neppure Cristo è stato risuscitato.” E dopo è scritto: “E se Cristo non è stato risuscitato, vana è la vostra fede; voi siete ancora nei vostri peccati. Anche quelli che sono morti in Cristo sono dunque periti. Se abbiamo sperato in Cristo per questa vita soltanto, noi siamo i più miseri fra tutti gli uomini. Ma ora Cristo è stato risuscitato dai morti, primizia di quelli che sono morti.” (I Corinzi 15; 12-13, 17-20).

Il sepolcro era vuoto!

Il sepolcro vuoto è il punto di partenza assoluto della fede cristiana. La risurrezione è un miracolo di Dio, trascendente, sovrannaturale, incomprensibile. È l’evento salvatore centrale. La fede nella storia di Gesù Cristo senza pensare alla posizione centrale della sua risurrezione non è cristiana. Una teologia che riconosce il Gesù storico ma che ne esclude la risurrezione non è completa.

Ecco perché i cristiani cantano con gioia

Esiste un bel inno, dove si parla di gioia: “Nella gioia, la gratitudine, cantate la vita che proviene dal Signore! Che l’universo vibri finalmente nella speranza. Perché il Signore dalla tomba è vincitore, perché il Signore dalla tomba è vincitore. “

Le prime due strofe di questo inno di Pasqua sarà cantato dalla comunità durante il servizio divino di Pasqua con il sommoapostolo Jean-Luc Schneider. L’autore delle parole di questo inno è Ernst Heinrich Gebhardt (1832-1899) che ha scritto numerosi inni dei cristiani.

Ernst Heinrich Gebhardt è nato a Ludwigsburg (Germania). Prima, ha studiato chimica e farmaceutica, poi agricoltura e selvicoltura, ma era anche portato per le lingue e la musica. Nel 1851, è emigrato in Cile con alcuni membri della sua famiglia dove diventò un agricoltore. Il fatto di essere sopravvissuto ad un naufragio e di aver partecipato ad un culto religioso in una comunità metodista, poco tempo dopo, ha cambiato radicalmente la sua vita. Nel 1859, ha iniziato la sua formazione metodista, in Germania, come “predicatore”. È stato sia editore, traduttore ed autore di numerosi innari e ha lavorato come redattore all’interno di molti giornali metodisti. La sua aspirazione era di contribuire a dare al rispettabile coro tedesco più ritmo vivo, come diceva lui stesso. Era molto conosciuto, ai suoi tempi, come “evangelista cantante” e numerosi cristiani interpretano i suoi inni fino ad oggi.

“Per voi ancora, Gesù rinnova il dono di pace, i favori dell’Altissimo. Venite, voi tutti ascoltate la novella: Presso Gesù, avrete pace. Presso Gesù, avrete pace. “

Una festa di Pasqua benedetta

Il servizio divino di Pasqua celebrato dal sommoapostolo Jean-Luc Schneider inizia alle ore 10 ed è in trasmissione nel mondo intero.

Possa essere la festa di Pasqua una festa di risurrezione e di pace per tutti.

 

Fotografie: nac.today
Autore: Peter Johanning
Data: 11.04.2020
Categorie: Fede