Ricerca
comunità e distretti

I sacramenti (6): Ciò che conta è una questione di fede

Quanti sacramenti ci sono: sette, tre o due? Le confessioni cristiane non sono d’accordo nemmeno tra di loro. Ma esiste un riscontro che tutti, o quasi, riconoscono.

 
/api/media/511090/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=2e3e5562ae789d30ea7eca7070b2b923%3A1651886482%3A4135922&width=1500
 

“Le Sacre Scritture riconoscono solo un sacramento, che è Cristo, l’Eterno stesso.” – Con questo punto focale, il protestante Lutero è arrivato là dove l’ultra-cattolico Agostino era arrivato quasi mille anni prima: a Gesù come sacramento iniziale. Per il resto, però, era piuttosto contrario alla dottrina cattolica prevalente relativa ai sacramenti.

Tra “minorem” e “maiorem”

La Chiesa cattolica stessa ha impiegato un po’ di tempo per sistemarsi. In pratica, era già passata nel dodicesimo secolo alla dispensazione dei sette sacramenti, ma è solo con la fusione con le Chiese d’Oriente minori che ne fa una teoria ufficiale, cioè una dottrina, nel 1439, durante il Concilio di Firenze.

Da allora, la tradizione cattolica conosce definitivamente i seguenti sacramenti: il Battesimo (di acqua), l’Eucaristia (Santa Cena), la Cresima (Confermazione con lo Spirito Santo), la Penitenza (Confessione), il Matrimonio, l’Ordine sacro (dei diaconi, dei sacerdoti, dei vescovi) e l’Estrema Unzione degli ammalati.

Questi sacramenti possono essere raggruppati secondo diversi aspetti:

  • In particolare secondo sacramenti minori (“minorem”), che servono solo al risanamento o al perfezionamento dei grandi sacramenti (“maiorem”) che sono il Battesimo e l’Eucaristia.
  • O secondo i sacramenti dell’iniziazione cristiana, cioè dell’introduzione nella Comunione (Battesimo, Eucaristia, Cresima), di guarigione (Riconciliazione, Estrema Unzione) e dell’impegno verso la comunità (Matrimonio, Ordine sacro).
  • E, per finire, secondo i sacramenti, da una parte destinati per lo sviluppo personale e, dall’altra parte, destinati alla direzione e alla crescita della Chiesa (Penitenza, Matrimonio).

Sette sacramenti con varianti

Il numero sette si trova anche nei “Misteri” della Chiesa ortodossa, ma con due differenze sostanziali: la Crismazione (Unzione con olio sacro) è dispensata immediatamente dopo il Battesimo di un bambino e non, durante la Cresima cattolica, in età adolescente. Inoltre, all’interno della Chiesa ortodossa, è il sacerdote che dispensa il sacramento del Matrimonio, mentre, secondo la definizione cattolica, sono i partner che se lo dispensano a vicenda.

All’interno della Chiesa anglicana, la formula è di due più cinque. In ogni caso, il Battesimo e l’Eucaristia sono riconosciuti come sacramenti, mentre gli altri sacramenti della tradizione cattolica sono spesso considerati solo come riti sacramentali. Però, questo varia a seconda dell’orientamento di questa famiglia confessionale.

Alla fine, vale solo la Bibbia

Un doppio disaccordo regnava all’interno della tradizione protestante. Dai luterani si trovano, nei primi scritti confessionali, a volte due o tre sacramenti. Tuttavia, la Penitenza è stata abbandonata nel corso della storia. Solo il Battesimo e l’Eucaristia si sono imposti. Questi sono confermati nella Bibbia come nessun altro sacramento.

La Chiesa riformata riconosce, anche lei, questi due atti. Però, i suoi fondatori non vi vedono dei riti con un proprio potere d’azione. Per Zwingli sono solo dei segni di confessione degli uomini e per Calvino dei segni visibili della promessa divina di salvezza. Numerose Chiese libere protestanti condividono una posizione simile.

Tre sacramenti in due: doppio Battesimo

La definizione dei sacramenti nella Chiesa Neo-Apostolica ha numerosi punti in comune sia con la tradizione cattolica che con la tradizione protestante. Come queste ultime, considera i sacramenti come “fondamentali elargizioni di grazia di Dio”, è scritto nel Catechismo (CCNA – DR 472). Sono “atti sacri […] dispensati da uomini a uomini; in essi Dio dona salvezza a chi li riceve.”

I tre sacramenti, il Battesimo di acqua, la Santa Cena e il Santo Suggello ricordano da un lato i tre sacramenti dell’iniziazione cattolica, che sono il Battesimo, l’Eucaristia e la Cresima. D’altra parte, seguono il principio protestante del fondamento biblico, anche con il Santo Suggello nella seconda parte della “rigenerazione di acqua e di Spirito”. Ne diremo di più a questo proposito nel prossimo articolo di questa serie.

 

Fotografie: Buyman adobe stock com
Autore: Andreas Rother
Data: 30.03.2020
Categorie: Fede