Ricerca
comunità e distretti

La parola di Dio non conosce coprifuoco

Una comunità senza muri né frontiere – è così che centinaia di migliaia di famiglie neo-apostoliche hanno vissuto domenica scorsa. Anche se le porte delle chiese erano chiuse, la Chiesa si è dimostrata più aperta che mai.

 
/api/media/513173/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=dd4f1e213ce31e65e1778c1d676b0b6d%3A1651887245%3A7917241&width=1500
/api/media/513174/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=fcd10babcecd0097d7b64c7487109680%3A1651887245%3A8732791&width=1500
/api/media/513175/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=89e1df21b5f685fae64256e058064cfe%3A1651887245%3A2613904&width=1500
/api/media/513176/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=3ba5331ea16ca3d7e3507dddbfee12cc%3A1651887245%3A2546478&width=1500
/api/media/513177/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=9b27cf3383da811c26ffc9ebfaf89cd3%3A1651887245%3A8051073&width=1500
/api/media/513178/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=c904f3ee2e66f8decc02e03b598fe2e1%3A1651887245%3A6322229&width=1500
 

Accessi limitati, proibizione di assembramenti, coprifuoco: durante le ultime due settimane, un paese dopo l’altro, la crisi legata al coronavirus ha bloccato ogni attività nelle chiese. Tuttavia, la vita di comunità non si è per niente fermata. Quando necessario, la parola di Dio arriva tra le quattro mura tramite internet.

Innanzitutto, si tratta di servizi divini: il Canada e gli Stati Uniti conoscono questo già da tempo, il distretto della Germania occidentale lo ha messo in atto per la prima volta a metà marzo. E gli altri europei hanno seguito una settimana dopo con dei servizi centralizzati in diretta e in streaming. Da quel momento, le direttive dei governi dell’Asia del Sud-est, del Sudamerica e del Pacifico occidentale si sono tutti adeguati.

Ogni partecipante ha solo dovuto trovare la propria comunità virtuale. I siti web come nac.today hanno pubblicato delle informazioni dettagliate a questo proposito; degli elenchi sono stati diffusi su Facebook; un video informativo su YouTube è stato visualizzato più di 70.000 volte. Coloro che non hanno internet hanno ricevuto un numero per collegarsi telefonicamente.

Consolazione e incoraggiamento

In totale, la Chiesa Neo-Apostolica ha avuto 18 servizi divini centralizzati nel mondo, in streaming o su richiesta, a volte in diverse lingue, il 21 e 22 marzo. Tutte le parole bibliche utilizzate hanno portato consolazione e incoraggiamento: “Tu, non temere, perché io sono con te”, si poteva ascoltare in particolare nei Paesi Bassi, “Le tue parole sono state la mia gioia, la delizia del mio cuore” in Germania meridionale e, negli Stati Uniti: “Questo è il giorno che il Signore ci ha preparato; festeggiamo e rallegriamoci in esso!”

Gli officianti sono stati spesso apostoli di distretto, come per esempio Michael Ehrich (Germania meridionale), Leonard Kolb (Stati Uniti), Rüdiger Krause (Germania nord-orientale), Wolfgang Nadolny (Berlino-Brandeburgo) e Tshitshi Tshisekedi (Repubblica Democratica del Congo Sud-Est). Altrove, gli apostoli si sono presentati all’altare: per esempio Reinaldo Milczuk e Herman Ernst (entrambi Sudamerica), Peter Klene (Paesi Bassi), john Sobotika (Canada) e Samuel Tansahtikno (Sud-est asiatico).

Servizi divini a rotazione

Il Pacifico occidentale ha anche offerto quattro servizi divini in streaming. È anche vero che l’area di attività dell’apostolo di distretto non abbraccia solo un numeroso considerevole di fusi orari, ma anche la linea di cambio data.

In Africa australe, si è dovuto celebrare più servizi divini del solito. Perché, in questa regione, il governo ha limitato gli assembramenti a 100 persone. I fratelli del ministero hanno dunque celebrato i servizi divini a rotazione – a seconda delle dimensioni della comunità, hanno dovuto celebrare servizi divini il sabato e la domenica. Nel frattempo, il canale televisivo NAC TV ha trasmesso un servizio divino centrale con l’apostolo di distretto John Kriel, che era già stato programmato prima, per la popolazione di lingua francese.

 

 

Di casa in casa

È soprattutto nell’area di attività dell’apostolo di distretto della Repubblica Democratica del Congo Sud-Est che si è potuto incrociare il maggior numero di fratelli del ministero sulle strade. Infatti, il numero di persone autorizzate negli assembramenti era limitato a 20.

Tuttavia, la maggior parte degli 1,8 milioni di fratelli e sorelle che ci vivono non hanno avuto la possibilità di seguire il servizio divino centrale su YouTube. Ed è per questo motivo che i fratelli del ministero, dal sacerdote fino all’apostolo di distretto, si sono recati a casa delle famiglie per celebrare con loro la Santa Cena.

Interesse per programmi radiofonici e televisivi

Questi servizi divini in streaming hanno attirato l’attenzione dei media regionali in Germania occidentale. Immediatamente dopo il servizio divino, la stazione radio WDR 2 ha intervistato l’officiante della Germania occidentale, l’apostolo Stefan Pöschel. E, l’indomani, la stazione televisiva locale WDR ha anche trasmesso un reportage.

Ed è precisamente durante questo servizio divino che il sacerdote Felix Frobel ha detto, durante la sua predica: “È come se fossimo in una chiesa senza muri né frontiere.”

 

Fotografie: nac.today
Autore: Andreas Rother
Data: 25.03.2020
Categorie: Fede