Ricerca
comunità e distretti

La storia del mango

Prima i fiori, ora gli alberi: c’è più di un seme nella preghiera del “Padre Nostro”. E più la crescita ha bisogno di pazienza, più durerà il frutto; ecco la seconda parte dei pensieri espressi dal sommoapostolo sul tema della preghiera.

 
/api/media/513194/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=6a4b5b91ba96c89b6144392f7a21dff8%3A1652219029%3A4277139&width=1500
 

Sommoapostolo Jean-Luc Schneider, Strasburgo (Francia), 26 aprile 2020

Riparlo dei miei fiori: consideriamo le nostre preghiere come una semina. La preghiera del “Padre Nostro” è uno di questi semi. Sapete, quando seminate dei fiori, potete apprezzarli, sono belli. Ma, spesso, dopo qualche settimana o qualche mese, appassiscono e muoiono. E se ne volete altri bisogna seminarli di nuovo; per i fiori funziona così. Ma, se piantate un nocciolo di mango, nascerà un albero di mango. Ci vorrà molto più tempo; non so esattamente quanti anni bisogna aspettare prima di avere i primi manghi, ma ci vogliono anni. Ma una volta che l’albero darà i primi frutti, ce li avrete sicuramente per tutta la vita. Bisogna aspettare di più, ma potrete apprezzare i frutti per molto più tempo.

Ci sono diversi semi nella preghiera del “Padre Nostro”. Preghiamo: “Rimettici i nostri debiti, come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori.” Se siamo sinceri, se ci pentiamo, cioè se facciamo ciò che è giusto, riceveremo oggi il perdono, adesso. Certo, la settimana prossima avremo di nuovo bisogno del perdono. Ma lo riceviamo adesso.

Preghiamo: “Non indurci in tentazione.” È una preghiera importante oggi. Ricordatevi della storia di Gesù nel deserto; abbiamo fame, abbiamo paura, siamo stanchi o forse siamo sofferenti e preghiamo: “Dio, aiutami a resistere alle tentazioni, aiutami a rimanere fedele malgrado le circostanze e le difficoltà.” Questa è una preghiera che Dio esaudirà. Ancora una volta, se siamo sinceri, se abbiamo fede e se abbiamo fiducia in Dio, esaudirà questa preghiera e, per tutta la settimana seguente, ci aiuterà a rimanere fedele e a resistere alle tentazioni per mantenere la connessione , la relazione con il nostro Padre celeste.

Preghiamo anche: “Venga il tuo Regno.” Ci vuole un po’ più tempo per questo. Gesù ha promesso: Ritornerò e vi prenderò con me ed entrerete nel mio Regno.” Ha fatto questa promessa parecchio tempo fa: aspettiamo da molto tempo e sembra che non succeda niente. Abbi fiducia in Dio. Sta operando. Tutto cresce e si sviluppa; forse non vedi tutto, o forse vedi solo una parte; ma Dio sta operando. E la tua preghiera sarà esaudita: il suo Regno verrà. E allora, potrai approfittare dei frutti della giustizia per l’eternità; non solo per la tua vita, ma per l’eternità.

Vedete, è un semplice esempio del modo in cui possiamo prendere in considerazione le nostre preghiere.

 

Fotografie: nac.today
Autore: Andreas Rother
Data: 09.05.2020
Categorie: Fede