Ricerca
comunità e distretti

RETROSPETTIVA 2: Dio non fa differenze

Due lezioni apprese dalla crisi legata al coronavirus: ciò che fa o non fa l’individuo concerne tutti. E coloro che erano sottovalutati mostrano il loro vero valore. Il nesso con la fede? Ecco alcuni chiarimenti tratti dal servizio divino di Pentecoste.

 
/api/media/513303/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=168ac80eae0830b3b4373f858581dc41%3A1652224780%3A7077910&width=1500
 

In questa crisi attuale dovuta al coronavirus, facciamo l’esperienza, come posso dire, della solidarietà tra gli uomini. Se una sola persona non rispetta le regole, tutta la comunità è in pericolo. So che in alcune regioni si dice: “Non dite niente, qui non abbiamo nessuno infetto.” Scusatemi, ma vivo in una delle regioni più toccate e so di cosa parlo. Se una sola persona non rispetta le regole, tutta la comunità è in pericolo. Ed è un bel esempio per descrivere il corpo di Cristo. Quando un membro soffre, soffre tutto il corpo. Grazie allo Spirito Santo, siamo capaci di mettere in secondo piano i nostri propri interessi per servire l’interesse comune, il benessere di tutti. Superiamo in ogni circostanza i nostri propri interessi e contribuiamo al benessere della Chiesa, il corpo di Cristo. Grazie allo Spirito Santo, possiamo mettere in secondo piano i nostri propri interessi e possiamo contribuire al bene comune. Riparlo del mio paese. Forse non siamo sempre molto furbi in Francia, ma abbiamo scoperto una cosa. Improvvisamente abbiamo realizzato che coloro che non godevano di una grande stima sono diventati improvvisamente molto importanti per la società in generale. Non si aveva una grande stima perché non avevano posti altamente qualificati, avevano piccoli stipendi, ma adesso, durante questa crisi, abbiamo preso coscienza che sono indispensabili. Improvvisamente queste persone sono diventate molto importanti per noi.

Il corpo di Cristo ha diversi membra. Alcune hanno doni particolari, altre hanno compiti importanti da compiere. Però non dimentichiamo mai che ogni membro è importante quanto tutti gli altri agli occhi del Signore. I doni sono differenti, i compiti sono differenti, ma ogni anima ha lo stesso valore agli occhi di Dio e dovrebbe avere lo stesso valore ai nostri occhi.

Così, la seconda missione è la seguente: radunare il popolo, superare le differenze, superare i nostri propri interessi e contribuire al benessere di tutti e considerare ogni membro allo stesso modo.

 

Fotografie: nac.today
Autore: Andreas Rother
Data: 13.06.2020
Categorie: Fede