Ricerca
comunità e distretti

RETROSPETTIVA 1: Cambiare il futuro

Futuro e cambiamenti: questi sono i temi della fede. Tuttavia non si tratta solo del mondo spirituale: la confessione dal servizio divino di Pentecoste 2020.

 
/api/media/513304/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=4b77df43990367993013ed69633c96f5%3A1652224257%3A3258627&width=1500
 

Sapete, con questa crisi legata al coronavirus, molte persone dicono e pensano: “Ci sarà un cambiamento: ci sarà un prima e un dopo coronavirus; dobbiamo riconsiderare l’organizzazione della società e dell’economia. Dobbiamo riconsiderare l’utilizzo delle risorse naturali. Dobbiamo riconsiderare la nostra propria vita, perché non possiamo continuare con questo egoismo; questo percorso è un vicolo cieco.”

Non so se ci sarà veramente un cambiamento. Lo spero, ma so anche che gli uomini rimangono uomini. Tuttavia, anche in questo periodo, compiamo la nostra missione tramite lo Spirito Santo. Proclamiamo il Vangelo con le parole e con l’operare. L’insegnamento di Gesù Cristo è sempre valido. Il sermone sul monte è valido. La regola per eccellenza (sermone sul monte) è sempre valida. Dovremmo operare in conformità a quest’insegnamento. Proclamiamo che le ricchezze spirituali sono molto più importanti delle ricchezze materiali. Certo, facciamo del nostro meglio per dare una buone educazione e formazione ai nostri figli, ci assicuriamo che siano in buona salute e che abbiano soldi a sufficienza. Tutto questo è buono. Però, vi prego, non dimenticate il dono più importante che possiamo far loro: assicurarci che Gesù viva nei loro cuori. Il miglior modo per esprimere il nostro amore verso i nostri figli è far scoprire loro Gesù Cristo. Facciamo anche attenzione ad utilizzare le risorse di questa terra con maggiore precauzione. È anche un segno di amore verso Dio e verso il nostro prossimo. A volte, fratelli e sorelle mi dicono: “Si, ma, sommoapostolo, non vogliamo rimanere su questa terra, vogliamo salire in cielo. Quindi non è così importante prendersi cura della terra, ma curiamo piuttosto la nostra anima. Perché vogliamo salire in cielo.”

Ve lo dico: Anche io voglio salire in cielo. Però non dimentichiamo che gli uomini continueranno a vivere su questa terra fino al Giudizio Finale. Gli uomini sono responsabili della terra fino al Giudizio Finale. D’altronde speriamo di far parte del Real Sacerdozio. Questo tornerà e si sistemerà sulla terra, su questa terra. Vedete: uno stesso punto di vista neo-apostolico, ha senso riflettere in che modo gestire le risorse naturali. È il modo di compiere la prima missione del Figlio e dello Spirito Santo, la nostra prima missione: proclamare con coraggio e senza timore che il sermone sul monte e la regola per eccellenza sono sempre validi. Dovremmo sempre essere coscienti del fatto che le ricchezze spirituali sono molto più importanti delle ricchezze materiali. Assicuriamoci che Gesù viva nel cuore dei nostri figli. E prendiamoci cura della terra sulla quale viviamo.

 

Fotografie: nac.today
Autore: Andreas Rother
Data: 06.06.2020
Categorie: Fede