Ricerca
comunità e distretti

Giovani online

27.05.2021

Video call tra Argentina e Italia
 
/api/media/514666/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=782dc03496e1a1b5e845f6d7eb167067%3A1670098312%3A2670213&width=1500
 

Uno dei risvolti negativi della pandemia da Coronavirus è anche quello di non potersi incontrare personalmente, spostarsi liberamente e parlarsi da vicino.

È così che i giovani del distretto Italia Nord-Ovest e del Ticino hanno pensato di rimediare mediante collegamenti in video-call. In questi mesi, infatti, si sono svolte alcune riunioni tra i giovani, che non si sono limitate al singolo distretto, ma sono state estese anche al di fuori dei confini nazionali, tra giovani che si conoscono bene, parlano la stessa lingua e soprattutto, hanno la stessa fede.

Domenica 23 maggio 2021, le guide della gioventù hanno invece pensato bene di “abbattere i confini continentali” e rivolgere un invito particolare ad alcuni giovani oltre oceano. Infatti, l’invito Zoom era stavolta aperto anche ai giovani di alcune comunità di Buenos Aires (Argentina), i quali numerosi si sono collegati con i giovani italiani e ticinesi.

In tutto erano circa 50 collegamenti e circa 50 partecipanti, comprese le guide della gioventù.Naturalmente, qualcuno si è fatto carico della traduzione dei singoli interventi, a seconda dei casi, dall’italiano allo spagnolo e viceversa.

I giovani hanno avuto la possibilità di esporre personali esperienze di fede, si è discusso ed approfondito il significato di tale espressione e di come si possa sperimentare l’intervento di Gesù nelle proprie vite, si è argomentato anche il proprio modo di parlare della propria fede, delle proprie convinzioni religiose nell’ambito in cui si vive (scuola, amici e lavoro) e di quanto si parli volentieri di aspetti religiosi.

È stata una esperienza molto bella e costruttiva, non solo per i giovani, i quali hanno risposto con feedback positivi a tale iniziativa, ma anche per gli organizzatori e per i moderatori, che con domande tematiche e questioni specifiche hanno “stuzzicato” i racconti e gli interventi dei giovani.

C’è da dire che la situazione di pandemia ha certamente limitato molti aspetti della nostra vita, ma allo stesso tempo ha aperto nuovi modi di incontrarsi, seppur virtualmente, certamente utili per mantenere la comunione fraterna.