Ricerca
comunità e distretti

RIFLETTORI SU… 5/2020: Una sana relazione tra gli uomini e Dio

Per ottenere la libertà in Cristo, serve una relazione tra gli uomini e Dio. È la base della libertà spirituale. Questa è la descrizione dell’apostolo di distretto Kububa Soko, dello Zambia.

 
/api/media/516073/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=f4644fb7f0a7476267238ab839ead327%3A1692476262%3A1649044&width=1500
 

Questo motto dell’anno 2020 – “Cristo ci rende liberi” – suscita alcuni pensieri in me. È certo che Cristo ci rende liberi e in diversi modi, in particolare tramite l’istituzione della cena di commemorazione, il perdono dei peccati, l’istituzione dell’apostolato e la promessa del suo ritorno per prendere con sé i suoi.

La Santa Cena come cena di commemorazione

Mentre era sulla terra, il nostro Signore Gesù ha istituito il sacramento della Santa Cena in sua memoria (Luca 22, 19-20). La Santa Cena ci ricorda il più grande dei sacrifici e la morte di nostro Signore Gesù Cristo. Con la degna partecipazione alla Santa Cena, Gesù vive in noi e questo ci libera.

Il perdono dei peccati

Prima della sua ascensione, nostro Signore Gesù Cristo ha dato l’incarico agli apostoli di perdonare i peccati  (Giovanni 20, 23). Il perdono dei peccati ci permette di riconciliarci con Dio e gli uni con gli altri. Il risultato è la pace e la libertà con i nostri contemporanei e con Dio. Questo ci permette di seguire il cammino della nostra fede da maestri del nostro destino.

L’istituzione dell’apostolato

Gli apostoli sono messaggeri di Gesù con l’incarico di annunciare il Vangelo di Gesù a tutti i popoli (Matteo 28, 19-20). La conoscenza del Vangelo di Gesù, la fede nel Vangelo di Gesù e l’ubbidienza al Vangelo di Gesù ci liberano. Il ministero è anche stabilito per riconciliare l’umanità con Dio (II Corinzi 5, 18-19) e ristabilire così una sana relazione tra gli uomini e Dio. Se rispettiamo la parola di Gesù annunciata dagli apostoli, saremo i suoi veri discepoli. Questo ci permette di riconoscere la verità – e la verità ci libera (Giovanni 8, 32)

Il ritorno di Gesù Cristo

Gesù ha promesso di ritornare per prenderci con lui (Giovanni 14, 3). La promessa del ritorno di Cristo costituisce una parte essenziale della nostra dottrina. Cristo tornerà per prendere con sé coloro che portano in sé il suo Spirito e la sua vita – sia tra i vivi che tra i morti. Il ritorno di Gesù metterà in moto un movimento che porta al Regno millenario di pace nel quale regnerà la libertà.

La salvezza, la redenzione e la libertà saranno assicurate all’umanità tramite la degna ricezione della Santa Cena, il perdono dei peccati, l’apostolato e il ritorno di Cristo.

 

Fotografie: NAC Zambia
Autore: Kububa Soko
Data: 23.03.2020
Categorie: Fede