Ricerca
comunità e distretti

SOS: Vi sono cure pastorali tanto differenti quanto le persone che ne hanno bisogno

Il corpo ha bisogno di cure, e anche l’anima. L’immagine della dualità umana è conosciuta in tutte le chiese. Un sacerdote è sia predicatore che curatore di anime. E questo è giusto. Piccola panoramica generale della cura pastorale.

 
/api/media/516145/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=d7b6f54cb3c6e968d1886bb7a236cfb4%3A1692475535%3A5674104&width=1500
 

Cosa ricorda questo: segreto ministeriale, dovere di riservatezza, accompagnamento spirituale durante le crisi della vita? Esatto, si tratta della cura pastorale. Quest’ultima deve incoraggiare, creare un rapporto di fiducia, garantire sicurezza, trasmettere forze – e, se possibile, tutto insieme. Ciò che è importante: il sostegno spirituale inizia già molto prima, cioè prima di ogni cura pastorale ed è destinato ad ogni membro della Chiesa, che sia gioioso o triste, sofferente o sereno. La cura trova il suo modello nel modo in cui Gesù Cristo lo ha dimostrato. Ha ascoltato, aiutato, consolato, consigliato, messo in guardia, fortificato, pregato, insegnato – senza fare differenze. Ed è esattamente ciò che insegna il Catechismo della Chiesa Neo-Apostolica: Gesù Cristo costituisce il modello perfetto di ogni cura pastorale, “Ogni ministro che ha in cura delle anime deve prendere esempio dal Figlio di Dio” (CCNA/RD 688-705)

Consigli per la cura pastorale

Nella Bibbia si trovano molti piccoli consigli e consigli più grandi per la cura pastorale. L’immagine del buon pastore è un esempio palese: “Io sono il buon pastore; il buon pastore dà la sua vita per le pecore. […] Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco, ed esse mi seguono; e io do loro la vita eterna, e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano.” (Giovanni 10, 11; 10, 27-28). Questi passaggi biblici contengono conforto e consolazione, incoraggiamento, esortazione, accompagnamento – tutto ciò che si deve trovare nella cura pastorale in pratica.

Certo, la cura pastorale è anche una missione per tutta la comunità, e così anche per ogni individuo. Perché non è solo uno che deve essere presente per tutti, ma tutti per uno. L’aiuto pratico nella vita è un’offerta importante per la comunità: “Perché ebbi fame e mi deste da mangiare; ebbi sete e mi deste da bere; fui straniero e mi accoglieste; fui nudo e mi vestiste; fui ammalato e mi visitaste; fui in prigione e veniste a trovarmi.”, dice il Signore secondo Matteo (Matteo 25, 35-36)

Spirituale e terrena

La cura pastorale è dunque valida in due modi: da un lato, è un aiuto spirituale sul cammino che porta a Dio, e dall’altro lato, è un sostegno nelle situazioni della vita quotidiana. In questo contesto, la cura pastorale nelle comunità e nelle famiglie neo-apostoliche ha una grande importanza - “Ogni cristiano neo-apostolico ha una cura pastorale personalizzata.” Ci dice il Catechismo. Poi è scritto: “La cura pastorale dei fedeli mira innanzitutto ad approfondire l’amore per Dio e per la sua Opera, a rafforzare la vita di fede e ad aumentare la conoscenza dell’Opera di salvezza di Dio, principalmente attraverso uno scambio di pensieri su questioni relative alla fede.”

Spetta ovviamente ad ogni credente seguire o meno i consigli pastorali del proprio sacerdote. La responsabilità individuale di ciascuno è rispettata ed incoraggiata. Un buon rapporto di fiducia tra ministro responsabile della cura pastorale e il credente è certamente essenziale. E, naturalmente, le visite pastorali non si svolgono contro la volontà dei fratelli e delle sorelle.

Una nuova serie contenente consigli

La cura pastorale deve ovviamente essere adattata a certe condizioni fondamentali: non si tratterà una persona ammalata allo stesso modo di una persona in salute, i giovani hanno bisogno di una cura diversa di quella degli anziani e le famiglie con bambini hanno altre preoccupazioni delle persone non sposate. La cura pastorale è dunque complessa ed individuale. Numerosi distretti della Chiesa Neo-Apostolica propongono delle cure pastorali specifiche ad ogni livello – per persone diversamente abili, per persone in carcere o per persone con dipendenze. Tratteremo in dettaglio questi aspetti e i loro annessi nella nostra nuova serie, “Serie della cura pastorale”.

 

Fotografie: shocky - stock.adobe.com
Autore: Peter Johanning
Data: 24.03.2020
Categorie: Fede