Ricerca
comunità e distretti

Ascensione 2021: Non rimaniamo fermi – andiamo avanti!

Si può credere ai testimoni oppure no – ognuno decide per sé. Ciò che conta, è la credibilità delle loro testimonianze, e se credono anche loro a ciò che raccontano! I discepoli, che hanno visto il loro Signore Gesù Cristo salire in cielo, hanno mantenuto la loro versione dei fatti e non l’hanno modificata di una virgola.

 
/api/media/525800/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=51702440e037a353e0d565ecfd586d21%3A1688680596%3A8630599&width=1500
 

Ai giorni nostri, la gente difficilmente crede a ciò che si racconta. Si può dire che l’Ascensione, come tutti i miracoli della fede, non può essere capita né spiegata scientificamente. È dunque una questione di fede. E la domanda lecita è: è possibile essere un cristiano senza fede?

Cosa successe?

Immaginiamo la seguente scena: dopo la sua resurrezione, Gesù Cristo, che è morto, entra nella stanza chiusa dove vi si trovano i discepoli. Quest’ultimi si erano barricati, erano preoccupati, spaventati, si sentivano impotenti e disorientati. La loro fede era gravemente compromessa. Si sarebbero potuti aspettare di tutto, ma questo era ben oltre. Il loro amatissimo Maestro non era più tra di loro, li aveva abbandonati. Erano soli.

Ed ecco che questo Gesù Cristo arriva e li riporta alla realtà della fede. Conferma la sua richiesta, precisa loro chiaramente la sua missione e li accompagna ancora per un po’. Se solo potessimo viaggiare in quell’epoca emozionante con una macchina del tempo!

Un altro addio

Poi, dopo 40 giorni, c’è un altro addio! Però questo è diverso. Gli apostoli, e con loro la comunità, sembrano più ordinati, pieni di entusiasmo, di zelo e di aspettative. È una delle ragioni per cui il giorno dell’Ascensione è così importante: testimonia un ardente zelo per la fede!

I testimoni seguono Gesù con gli occhi, consolati e fortificati, poi sono inviati nel loro mondo della fede – non sono più soli, ma sentono una comunione incoraggiante alle loro spalle: “E come essi avevano gli occhi fissi al cielo, mentre egli se ne andava, due uomini in vesti bianche si presentarono a loro e dissero: ‘Uomini di Galilea, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù che vi è stato tolto ed è stato elevato in cielo, ritornerà nella medesima maniera in cui lo avete visto andare in cielo.” (Atti 1, 10-11).

Questo è un versetto rivelatore nelle Sacre Scritture. E un appello: “Perché vi fermate?”

Non rimaniamo fermi: andiamo avanti!

L’Ascensione è una festa del movimento. I cristiani non devono rimanere fermi guardando il cielo – sono invitati a lanciarsi nel lavoro cristiano. Ci sono ancora molte cose da fare. La fede cristiana non vuole essere soffocata da frasi fatte o dal peso della scelta tra il vero e il falso – questo stanca e porta ad un sonno agitato. La fede cristiana vuole vivere, essere viva, saltare di gioia e contagiare se stessa e gli altri! L’imitazione di Cristo non porta all’inattività, ma alla missione di proclamazione: la sua ascensione è la nostra ascensione, la sua resurrezione è la nostra resurrezione. Che la gente pensi che sia possibile oppure no, è relativo. L’esortazione ai cristiani oggi è la seguente: fanne qualcosa, inizia qualcosa. Si tratta di te, della tua Ascensione!

Trarre insegnamenti dai missionari

Esistono esempi straordinari di persone che si incamminano e che fanno grandi cose nel nome della loro fede. Ecco un esempio recente: un apostolo in India muore per causa Covid-19 e il sommoapostolo dice di lui: “Durante i 25 anni della sua attività ministeriale da apostolo, ha percorso più di 850 000 kilometri, di cui la maggior parte in moto, per servire i fratelli e sorelle. Per questo, nessun viaggio gli sembrava troppo lungo e nessun sacrificio troppo grande. Ha lavorato con zelo e ha stimolato i suoi fratelli a proclamare il Vangelo di Gesù Cristo. Ha fondato numerose comunità, e rimaneva spesso vicino ai fratelli e sorelle per prendersi cura con molta premura delle anime affidate.” Queste testimonianze abbondano - di valorosi uomini e donne, di bambini coraggiosi e di giovani impegnati, di missionari e di eroi della fede.

Cristiani, non vi addormentate, non rimanete fermi, avanzate – questo è il motto dell’Ascensione!

 

Fotografie: Quality Stock Arts - stock.adobe.com
Autore: Peter Johanning
Data: 13.05.2021
Categorie: Fede