Ricerca
comunità e distretti

I sacramenti (50): Il Battesimo in due parti

La risposta della Chiesa Neo-Apostolica alla domanda: Come accede il cristiano allo Spirito Santo? Tramite il Santo Suggello. Ecco in dettaglio l’attuale conoscimento dei sacramenti e i suoi punti di ancoraggio nella Bibbia e nella storia della Chiesa.

 
/api/media/526201/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=479228b19474a0ea7e2219d60ba2db65%3A1692472537%3A776670&width=1500
 

I sacramenti neo-apostolici hanno il loro fondamento nella vita e nell’operato di Gesù Cristo. Questo non è solo valido per il Battesimo d’acqua e la Santa Cena, ma anche per il Santo Suggello.

Il Battesimo d’acqua e di Spirito

In effetti, sia il passaggio in Giovanni 1, 29-34 che quello in Matteo 3, 16 riportano che dopo il suo Battesimo, lo Spirito di Dio scese su Gesù. Se il Santo Suggello trova lì il suo modello è anche grazie al passaggio in Atti 10, 37-38, che fa riferimento al “modo in cui Dio ha unto di Spirito Santo Gesù di Nazareth.”

Il “Catechismo” della Chiesa Neo-Apostolica giustifica l’articolazione della rinascita di acqua e di Spirito in due sacramenti dicendo, a proposito dell’evento al Giordano: “due atti da distinguere chiaramente” (CCN-DR 524). I diversi racconti degli Atti degli apostoli mostrano anche: il dono dello Spirito Santo è stato dispensato dopo il ricevimento del Battesimo di acqua.

Gli elementi costituenti del sacramento

Secondo il piano di costruzione comune a tutti i sacramenti, le quattro pietre angolari che sono la fede, il dispensatore, il segno e la realtà si definiscono come segue per il Santo Suggello:

  • Il Santo Suggello presuppone per le persone che lo ricevono (i genitori, per quanto riguarda i bambini) la fede nella Trinità divina e negli apostoli inviati da Gesù Cristo così come il Battesimo d’acqua nella giusta forma. (CCN-DR 526).
  • Gli apostoli sono i dispensatori esclusivi del sacramento. Questo segue la testimonianza della Sacra Scrittura, secondo la quale il Battesimo di Spirito era legato al ministero d’apostolo. (CCN-DR 524)
  • In conformità alla Bibbia, il segno visibile è il gesto dell’imposizione delle mani dell’apostolo. Anche la preghiera stessa fa parte della dispensazione nella giusta forma di questo sacramento (CCN-DR 525). L’olio di unzione non è utilizzato perché non è menzionato nei racconti dei primi cristiani.
  • La realtà del sacramento è sempre l’atto di Dio: l’uomo è pervaso in modo permanente dallo Spirito Santo, dalla forza di Dio. Il Santo Suggello porta a compimento la rinascita di acqua e di Spirito iniziata durante il Battesimo di acqua. Gli effetti sono la figliolanza divina e anche la vocazione ad essere primizia (CCN-DR 529-530)

In questo senso, la ”figliolanza divina” è, secondo il “Catechismo”, “la condizione davanti a Dio che è contraddistinta dalla ricezione di tutti i sacramenti, dalla fede e dall’orientamento della vita sul ritorno di Cristo. “(CCN-DR 530). Con il termine “primizie” si definiscono le persone che Gesù Cristo prende con sé al suo ritorno. Sono l’equivalente della “comunità sposa”. (CCN-DR 428)

Tuttavia, l’uomo è già integrato nel corpo, cioè nella Chiesa di Cristo tramite il Battesimo di acqua. Perché il Battesimo compiuto in forma trinitaria unisce i cristiani. (CCN-DR 490).

Cresima, Confermazione, Santo Suggello

Il cammino verso la maturità cristiana passa attraverso diverse fasi; le Chiese cattoliche e ortodosse, che per numero di membri rappresentano il 70% della totalità dei cristiani nel mondo, conoscono questo percorso:

  • Le Chiese ortodosse ricevono i bambini e gli adulti durante una cerimonia in tre fasi: il Battesimo di acqua, l’unzione e la comunione. Mentre il Battesimo consente la partecipazione alla morte e alla risurrezione di Cristo, l’unzione (o cresima) permette la partecipazione alla nascita dello Spirito Santo durante la Pentecoste. Il battezzato diventa così un membro del “laos”, il popolo di Dio.
  • All’interno delle Chiese cattoliche, la cresima è il sacramento che conferisce lo Spirito Santo “in pienezza”.  Essa completa la “grazia battesimale” e deve “radicare più profondamente i fedeli nella figliolanza divina.” La dispensazione è legata all’episcopato. I beneficiari sono adulti, se possibile direttamente dopo il Battesimo, oppure bambini, molto dopo il Battesimo, non appena raggiunta “l’età della ragione”.

Il termine “Santo Suggello” per descrivere il sacramento della trasmissione dello Spirito è stato preso dalla Chiesa apostolica-cattolica. La comprensione dell’imposizione delle mani apostolica come conferma del Battesimo si è, tuttavia, evoluta molto presto nella direzione attuale all’interno della Chiesa Neo-Apostolica.

 

Fotografie: adragan - stock.adobe.com
Autore: Andreas Rother
Data: 15.02.2022
Categorie: Fede