Ricerca
comunità e distretti

Il meglio verrà alla fine

La storia del giovane ricco, una vecchia storia? Per niente! Un recente servizio divino celebrato in Danimarca ha mostrato tutti i suoi nuovi contenuti: undici insegnamenti molto attuali tratti da un noto avvenimento biblico.

 
/api/media/526215/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=8686c7d74b5e3dbccc63ec1ac322b87d%3A1692472369%3A3219871&width=1500
/api/media/526212/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=52edda0557f622ed1eac3e40332cb417%3A1692472369%3A7892888&width=1500
/api/media/526218/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=3167dd54807455bb5089eccc029862ca%3A1692472369%3A9726225&width=1500
/api/media/526213/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=2c238c3b41d45e39c5d060bde59cb872%3A1692472369%3A4038087&width=1500
/api/media/526214/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=d99f366c67b7abc24bd5dc7948f7b1fb%3A1692472369%3A2523570&width=1500
/api/media/526219/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=86ea04e84ff93509b8e6a2ec407f7689%3A1692472369%3A578248&width=1500
/api/media/526217/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=6d8fce9a0edf3c98a70af4120d55d980%3A1692472369%3A4902115&width=1500
/api/media/526216/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=5908af841baf18b6342cd9f3980488ca%3A1692472369%3A7413235&width=1500
 

Un giovane uomo, molto ricco, viene a chiedere a Gesù cosa deve fare per ottenere la vita eterna. “Gesù gli disse: ‘Se vuoi essere perfetto, va’, vendi ciò che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro nei cieli; poi, vieni e seguimi.’” Il 6 febbraio 2022 il sommoapostolo Jean-Luc Schneider ha predicato sulla base di questa parola biblica in Matteo 19, 21 a Copenaghen (Danimarca) e ne ha tratto i seguenti insegnamenti.

La relazione con Dio non può dissociarsi dalla relazione con il prossimo. In precedenza, Gesù aveva elencato al giovane uomo ricco tutti i comandamenti relativi alla relazione con il prossimo. “L’uomo pensa sempre che se è buono con Dio, sarà in comunione con lui. Gesù dice: ‘No, non funziona così. Finché non sarai giusto con il tuo prossimo, non puoi essere piacevole a Dio’”

L’amore e il rispetto sono più importanti delle regole e delle tradizioni. “Il giovane uomo ricco aveva osservato tutti i comandamenti. Questo non era abbastanza per il Signor Gesù. Ciò che lo interessava, non era soltanto la legge, ma la motivazione a seguirla. All’interno della Chiesa, abbiamo anche bisogno di regole, ovviamente, di un ordine. Però, queste regole non devono mai servire ad esercitare un potere umano né a fare discriminazioni, questi sono buoni e questi sono cattivi. Mettiamo sempre in discussione le regole. Perché sono date? Perché mi conformo ad esse? È motivato dall’amore?”

La ricchezza comporta una responsabilità verso i poveri. “Gesù non aveva niente contro i ricchi. Gesù semplicemente dice: “Se sei ricco, hai anche una responsabilità. Devi percepire l’afflizione del tuo prossimo, i suoi bisogni e aiutarlo quanto possibile.’”

L’imitazione richiede una ferma determinazione ed un totale coinvolgimento. “Quando Gesù ha detto: ‘ Vendi ciò che hai’, voleva mostrare al giovane ricco: chi vuole seguire il Signore deve decidersi molto chiaramente e definitivamente per il Signore. Vuole essere in comunione con Dio. È la cosa più importante.”

L’imitazione è rinunciare a tutto ciò che ci separa da Gesù. “Il giovane ricco doveva diventare povero per essere in comunione con Gesù. Doveva rinunciare a tutto ciò che non era in sintonia con il Signor Gesù. Si vede nella situazione attuale: la gente non sopporta più di dover rinunciare a qualcosa. ‘È un mio diritto, lo voglio!’ Questo non è l’imitazione di Gesù Cristo.”

L’imitazione è rinunciare alla sicurezza ed avere totalmente fiducia. “Il giovane ricco aveva la sicurezza nella sua vita. Ed ora doveva rinunciare a tutto questo. Dio chiede questo anche a noi: ‘Rinuncia alla tua sicurezza e abbi fiducia in Gesù’. La richiesta più grande è la seguente: ‘Quando non capisco più niente, rimetto il mio spirito nelle tue mani, ma, ti prego, permettimi di rimanere vicino a te.’”

L’imitazione è rispondere alla chiamata di Cristo. “La salvezza viene da Dio. È iniziativa di Dio, non dell’uomo. Gesù ha chiamato l’uomo. Solo colui che è stato chiamato da Dio e che ha risposto alla sua chiamata può essere in comunione con lui.”

Non si tratta solo della propria salvezza, ma di tutti. “Non sei stato chiamato solo per stare bene e per essere salvato, sei chiamato per servire. Non solo per essere benedetto, ma per contribuire alla salvezza del prossimo.”

La vera benedizione non è la ricchezza, ma la comunione con Dio. “Per il giudeo credente, la ricchezza era qualcosa di perfettamente normale: quest’uomo ha osservato i comandamenti, ecco perché Dio lo ha benedetto. Ma adesso, Gesù dice: ‘ Questa non è la vera benedizione. La vera benedizione è la comunione con Dio’. Seguiamo il Signore, serviamolo; non per ricevere una benedizione terrena, ma perché la comunione con Gesù Cristo è importante per noi.

L’imitazione assicura la comunione con Dio e con gli uomini. “Colui che segue il Signor Gesù in questo modo e che ha fiducia in lui, ha una vita spirituale equilibrata. Sa: Dio è qui, mi aiuterà; sa dove lo porterà questo viaggio. Ha gioia, pace, sicurezza. Può rallegrarsi della comunione con coloro che sono mossi dagli stessi sentimenti di Gesù Cristo.”

Alla fine, Gesù ci darà il suo compenso. “Il Signor Gesù ci darà molto più del nostro compenso. Ci darà il suo compenso. Non ci darà ciò che avremo meritato, ma ciò che lui ha meritato tramite il suo sacrificio. Questa è la gloria di Dio. Questo è il nostro futuro.”

 

Fotografie: Daniel Rudolph
Autore: Andreas Rother
Data: 23.02.2022
Categorie: Fede