Ricerca
comunità e distretti

La cura pastorale (22): La cura pastorale d’emergenza, la più difficile

È successo un incidente. Tre giovani si trovavano in un’auto. Erano di buon umore e l’autista era distratto. Ad un tratto, perde il controllo, la macchina va fuori strada e finisce la sua corsa contro un albero. Gli occupanti muoiono sul luogo dell’incidente.

 
/api/media/526284/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=64a2fb4a81c4810838056477a61ffb05%3A1692478509%3A3709555&width=1500
 

Una scena terribile di vita quotidiana. Sul luogo dell’incidente c’è una grande agitazione: la polizia, i vigili del fuoco, i soccorritori e, come se non bastasse, gli spettatori e la stampa. In mezzo a tutto questo tumulto ci sono i genitori, avvisati dalla polizia. Chi si prende cura di loro? Appare immediatamente che si tratta di un caso per un incaricato di cura pastorale che ha ricevuto una formazione; infatti, non solo ci sono persone decedute, ma la sofferenza e il lutto sono anche entrati nelle case delle famiglie interessate.

Primi soccorsi per i famigliari

L’unica missione dell’incaricato pastorale sul posto è di essere presente per i famigliari. Ogni attenzione è ormai rivolta a loro, direttamente ed in modo esclusivo. Adesso bisogna ascoltare, mostrare compassione ed empatia. Un incaricato pastorale senza empatia è inconcepibile. Inizialmente, la sua missione più importante consiste nell’offrire uno spazio protetto alle persone interessate, nel fornire un sostegno. Lo shock e il panico hanno fatto la loro apparizione e questo cambia le persone fisicamente e psicologicamente. Ora serve calma, fiducia e una certa capacità d’azione. L’incaricato pastorale d’emergenza scrive le prossime fasi importanti e le spiega alle persone interessate. È disponibile a rispondere alle domande e rimane fino a quando arrivano altri famigliari, ma solo fino a quando riesce a sopportare la situazione da solo.

Non dimenticare sé stessi

Perché una cosa è certa: “La morte e la sofferenza non diventano mai routine”, spiega un sacerdote della Chiesa Neo-Apostolica che lavora volontariamente nella cura pastorale d’emergenza. Affinché non subisca danni durante tali interventi, ha in mente chiare sequenze d’azione che si incatenano: allarme – chiamare il centro di controllo – scelta del percorso - indossare le scarpe. Ciò che è anche interessante: dopo l’intervento, cambia vestiti deliberatamente, si lava le mani e documenta l’incidente. Quest’ultimo punto lo aiuta ad elaborare le proprie impressioni. E, ovviamente, avrebbe diritto in ogni momento di chiedere un aiuto psicologico.

La cura pastorale passa dal cuore

La situazione descritta è frequente. La cura pastorale è estremamente importante, perché senza, il mondo sarebbe più buio. E anche se ogni caso è differente dall’altro, alcune regole alle quali si deve attenere la cura pastorale sono chiare ed inequivocabili:

  • Senza fiducia non si fa niente! Se l’incaricato della cura pastorale non è affidabile, non può aiutare. Al contrario, peggiorerà ancor di più la situazione già grave di per sé.
  • L’incaricato della cura pastorale incompetente è impotente. Certo, la capacità di ascoltare o di mostrare compassione è in qualche modo data ad ogni essere umano, ma l’incaricato della cura pastorale non si accontenta di tacere, ascolta veramente. L’ascolto attivo si sforza di esplorare le grandi linee dello stato d’animo dell’interlocutore. Questo avviene con delle domande, ma anche e soprattutto con l’ascolto.
  • È bene che la cura pastorale si basi su un equilibrio sicuro. Le persone che operano nella cura pastorale devono essere equilibrate. Le persone tranquille trasmettono tranquillità.
  • La cura pastorale necessita anche di coerenza. Le frasi distruttive come “è colpa tua, avresti dovuto stare più attento” sono inaccettabili. Allo steso modo, la mancanza di tempo, di disponibilità ad impegnarsi personalmente e la mancanza di esperienza sono fattori distruttivi.

Questi pochi punti elencati mostrano che le abilità per una buona cura pastorale si devono imparare. È una missione per tutti quelli che operano in questo campo.

Il prossimo articolo di questa serie tratterà la cura pastorale dopo un’interruzione di gravidanza.

 

Autore: Peter Johanning, Katrin Löwen
Data: 09.03.2022
Categorie: Fede