Ricerca
comunità e distretti

L’amore di Dio, la verità di Gesù, il nostro servizio

Dio ama senza limiti. Gesù aiuta ad identificare il male e a confidare nel vero bene. Ed ogni credente è chiamato a contribuire alla sua grande meta. Ecco una panoramica dei messaggi chiave sviluppati durante i servizi divini del mese di marzo.

 
/api/media/526286/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=31868b9857560eb3f44e441eb965e8e2%3A1692478015%3A8045429&width=1500
 

Il mese di marzo segna l’inizio del tempo della Passione. Per quaranta giorni, fino al Sabato Santo, si fa penitenza secondo la tradizione cristiana, commemorando Gesù e le sue sofferenze. Ecco perché, dopo il servizio divino in favore dei defunti, la prima domenica, i servizi divini del mese di marzo si concentrano sulle molteplici sfaccettature dell’evento pasquale.

Dio è sempre qui

Dio sa tutto e Dio vede tutto. Per alcuni, questo può sembrare una minaccia. Ma è anche una consolazione: Dio sa tutto di ogni individuo e lo ama. Malgrado tutti i suoi difetti, Dio ama ogni uomo.

“Se prendo le ali dell’alba e vado ad abitare all’estremità del mare, anche là mi condurrà la tua mano e mi afferrerà la tua destra.” (Salmi 139, 9-10). Questa è la parola biblica della prima domenica e significa più o meno: Niente può fermare Dio. Per lui, non esiste nessun limite. Anche i confini della morte non possono fermare Dio. Concede il suo amore e il suo aiuto ai vivi e ai morti in ugual misura.

Gesù combatte il male

Gesù Cristo ha lottato contro il diavolo e ha ottenuto la vittoria! Quando il diavolo sarà legato per l’eternità, nessuno ne dubiterà più.

Il secondo servizio divino di marzo è concentrato sulla lotta di Gesù contro il male.

  • Quando il diavolo tenta di distruggere la fiducia in Dio, Gesù dimostra agli uomini l’amore perfetto di Dio.
  • Quando il diavolo spinge gli uomini a diventare arroganti, Gesù mostra loro che dipendono dell’aiuto di Dio.
  • E quando il diavolo incita gli uomini a fidarsi di lui, Gesù mostra la vera natura di costui.

Gesù parla del regno di Dio

Già nell’Antico Testamento, il popolo d’Israele non è rimasto fedele al suo Dio e si è rivolto incessantemente ad altri dèi. Gli israeliti speravano che i dèi avrebbero dato loro ciò che non ottenevano da Dio. Dio come soluzione ai problemi e come garanzia di una prosperità terrena? No, Dio è molto più di questo! Gesù lo ha dimostrato facendo capire che non si tratta soltanto di soddisfare i desideri personali, ma di stabilire una amorevole relazione tra Dio e gli uomini. Gesù ha mostrato: il regno di Dio è vicino!

Malgrado tutto, Dio non è indifferente ai desideri e ai problemi personali dei suoi figli. Colui che lo prega riceverà le forze necessarie per superare i propri desideri e i propri problemi.

Gesù è al servizio degli uomini

A Gesù non piaceva essere servito. Si racconta di Marta che preparava il cibo per Gesù, e della suocera di Simone che serviva Gesù per gratitudine per averla guarita. Ma riprese Marta chiedendole invece di ascoltare. Perché serviva gli uomini con ciò che raccontava. Mostrava loro l’amore di Dio.

Ciò non significa tuttavia che come cristiano, ci si possa semplicemente lasciar servire da Gesù. No, secondo la definizione neo-apostolica, i credenti devono anche loro servire e quindi seguire l’esempio di Gesù. Ciò significa, tra l’altro, venire in aiuto del prossimo, sia sul piano materiale che facendogli scoprire il Vangelo, come pure ai fratelli e sorelle della comunità. Un semplice sorriso può aiutare!

 

Fotografie: Sansert -stock.adobe.com
Autore: Katrin Löwen
Data: 28.02.2022
Categorie: Fede