Ricerca
comunità e distretti

L’eternità inizia oggi

“Per vivere con Gesù nell’eternità, dobbiamo vivere oggi con lui.” Può sembrare facile. Ma cosa significa realmente “con”? La tripla risposta: in Cristo, per Cristo e come Cristo, e ciò non riguarda solo la vita.

 
/api/media/526296/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=4635a4040b36a99316e2d6715f3e405f%3A1692474204%3A6232139&width=1500
/api/media/526299/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=730cefa01d72d98a9808cdd684a73549%3A1692474204%3A3456961&width=1500
/api/media/526294/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=ee1cf08c5fbba1f4aa03deaadfe661b8%3A1692474204%3A113615&width=1500
/api/media/526298/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=74512b07f786d24074aa429d854eea62%3A1692474204%3A4162378&width=1500
/api/media/526288/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=c132a4e33cfc5d9a4588c701f09494dd%3A1692474204%3A770561&width=1500
/api/media/526292/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=db298c5f0c0d0262c59de478bd084fbe%3A1692474204%3A9229467&width=1500
/api/media/526287/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=6b23bbe3deb519ced104019febe399ba%3A1692474204%3A1443232&width=1500
/api/media/526289/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=6e52e292dfd8f6fd9039dbb22592cf98%3A1692474204%3A2776004&width=1500
/api/media/526297/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=811821e3142d8c72e651d945bd3ae4d2%3A1692474204%3A2381784&width=1500
/api/media/526290/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=df833825e87b695d0571d013cdebb831%3A1692474204%3A6791641&width=1500
/api/media/526295/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=d37f287c42adb22b6ee29cbfc118b832%3A1692474204%3A7495919&width=1500
/api/media/526291/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=4cd8ba05259417232832319ac33c1443%3A1692474204%3A534433&width=1500
/api/media/526293/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=317b79e655814ad195da05361b780a80%3A1692474204%3A3695551&width=1500
 

Questo l’argomento del servizio divino celebrato dal sommoapostolo a Nairobi (Kenya) il 27 febbraio 2022 che si è basato sulla parola I Tessalonicesi 5, 10 con riferimento a Gesù, “il quale è morto per noi affinché, sia che vegliamo sia che dormiamo, viviamo insieme con lui.”

La meta e il cammino, oggi come in passato

Dio vuole guidare tutti gli uomini verso una nuova creazione, esente da ogni male. Cristo è il Redentore. E tornerà presto a prendere la sua Sposa con lui. “È così che Paolo ha annunciato il Vangelo. Ed è così che lo annunciano gli apostoli di oggi”, ha detto il sommoapostolo Jean-Luc Schneider.

“Poi, Paolo dice ai credenti ciò che dovevano fare per essere pronti per il ritorno di Cristo. Riassumo: Per vivere con Gesù in eternità, dobbiamo vivere con lui oggi.” Ciò significa: vivere in Cristo, vivere per Cristo e vivere come Cristo.

In cammino con Gesù

Vivere in Cristo significa innanzitutto credere in Cristo, ha spiegato la guida della Chiesa:

  • “Credere in Cristo significa: credo che è il Figlio di Dio, credo nel suo insegnamento e lo osservo.”
  • “Credere in Gesù Cristo significa anche credere alla testimonianza, all’insegnamento degli apostoli. Li ha mandati dicendo loro: “Insegnate loro ciò che vi ho insegnato”.”
  • “Però, credere, è molto più che considerare semplicemente vera una cosa. Credere in Gesù Cristo significa avere fiducia in lui, aderire al suo insegnamento, anche se la realtà sembra molto diversa.”

Vivere per Cristo include due aspetti, ha spiegato il sommoapostolo:

  • “Chiunque crede realmente in Gesù Cristo ed ha fiducia in lui, ha questo forte desiderio di essere vicino a lui per l’eternità. E questo diventa la meta, il senso della vita.”
  • “Chiunque crede realmente in Gesù Cristo, lo ama e sa che è chiamato a servirlo: “Mi ha mandato ad aiutare il prossimo a sperimentare l’amore di Dio, tramite le mie parole e le mie azioni.” “

E vivere come Cristo significa: “Essere rigenerati di acqua e di Spirito. Bisogna diventare una nuova creatura in Cristo. E, sempre più, dobbiamo diventare come Cristo. Avere i suoi pensieri, i suoi sentimenti, fare la sua volontà. Amare come ama lui.”

Qui e ora piuttosto che là e poi

Tuttavia, questo non vale solo per i vivi: “Coloro che sono morti non sono dimenticati. Gesù Cristo li ama come ama noi. Si prenderà cura di loro nell’aldilà.” Perché “Gesù è andato nell’aldilà per annunciare il messaggio di salvezza a coloro che non potevano credere ai tempi di Noè. I primi cristiani ci hanno creduto. Ed è anche la nostra fede: che Gesù, tramite il suo sacrificio, ha reso possibile la salvezza anche nell’aldilà.”

“Alcune persone diventano un po’ strane e dicono: Va bene, ma se la salvezza è possibile nell’aldilà, perché dovrei andare in chiesa adesso?” E il sommoapostolo ha dato più di una risposta:

  • “Nessuno sa quando il Signore tornerà. Fai dunque in modo di essere pronto adesso. Non aspettare. Perché non hai la garanzia di avere la possibilità di essere salvato nell’aldilà.”
  • “Gesù ci dà la possibilità di far parte della Sposa di Cristo. Ma è una grazia particolare, non possiamo calcolare la sua grazia. Non aspettare il Giudizio Finale.”
  • “Vivere con Cristo sulla terra è una fonte di gioia, di forza, di consolazione e di pace. Ti permette di essere forte e fiducioso in ogni situazione.”

“Viviamo insieme in Cristo oggi”, ha detto il sommoapostolo Schneider per concludere. “E saremo presto insieme con Cristo nell’eternità.”

 

Fotografie: NAC Kenia
Autore: Andreas Rother
Data: 10.03.2022
Categorie: Fede