Ricerca
comunità e distretti

Riflettori su … 2/2022: Imparare dal proprio modello

I sentimenti sono l’indole interiore dell’uomo, spiega l’apostolo di distretto Michael Ehrich (Germania meridionale). È bene che sia ispirata dall’atteggiamento di Gesù Cristo.

 
/api/media/526331/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=9eeee9d28be766bfa763c4e7643b66c0%3A1692478349%3A7782953&width=1500
 

In Filippesi 2, 5 è scritto: “Abbiate in voi lo stesso sentimento che è stato anche in Cristo Gesù.” Sappiamo per esperienza che, a volte, lo stesso atto può essere compiuto da atteggiamenti diversi. Per esempio: Caino ed Abele hanno presentato il loro sacrificio a Dio. Il sacrificio di Abele è piaciuto al Signore, ma l’atteggiamento di Caino verso il suo sacrificio non gli è piaciuto (Genesi 4, 3 ss). La causa era la differenza di atteggiamento dei due fratelli.

Anche Gesù ha parlato di alcune questioni relative all’atteggiamento e ai sentimenti con l’aiuto di parabole semplici e conosciute. Desiderava così far capire al popolo a che punto è importante guardare all’interno del proprio cuore:

  • Con la parabola del fariseo e del pubblicano, il Signore ha mostrato che Dio concede la sua grazia a colui che si avvicina a lui con umiltà, non a colui che rivendica le sue proprie azioni (Luca 18, 9-14)
  • La parabola del seminatore mostra che bisogna avere un cuore colmo di timor di Dio per capire la parola di Dio ed accettarla (Luca 8, 15).
  • La parabola del servo malvagio mostra chiaramente che possiamo ricevere la grazia solo se siamo misericordiosi con il nostro prossimo (Matteo 18, 21-35).

Si potrebbero fare ancora molti esempi.

Ritorniamo al motto dell’anno 2022: “Insieme in Cristo” significa essere consapevoli della comunione con il Signore ed armonizzare la propria indole interiore con lui. Vi possiamo riuscire quando prendiamo Cristo come modello. È con la rigenerazione di acqua e di Spirito che ci sono dati i requisiti.

Ecco alcuni atteggiamenti che possiamo imparare dall’esempio di Gesù Cristo:

  • Il Signore era attento alle afflizioni degli uomini. La compassione verso coloro che sono in difficoltà deve anche trovarsi in noi.
  • Gesù Cristo si rivolgeva alla gente con amore. Molti venivano da lui per chiedergli aiuto. Non ha detto a nessuno: “Non ho tempo da dedicarti … “. Preghiamo per il prossimo, prendiamoci del tempo, diamo un aiuto concreto. È così che si manifesta l’amore per Dio e per il prossimo.
  • Il Figlio di Dio era umile. Non ebbe difficoltà ad inchinarsi davanti ai suoi discepoli. (Giovanni 13, 1 ss). Manteniamo l’umiltà davanti al Signore, non eleviamoci al di sopra degli altri e siamo disposti a servire e a sacrificarci.
 

Autore: Michael Ehrich
Data: 22.02.2022
Categorie: Fede