Ricerca
comunità e distretti

Settimana 10 / 2020

10.03.2020

Il tema principale dopo il ritorno da Cuba è il Coronavirus e i suoi effetti. In ogni paese della mia area d'attività, la situazione si presenta differentemente e le misure di precauzione sono molteplici. La situazione deve essere analizzata quasi ogni ora per poter reagire di conseguenza.
 
/api/media/482864/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=aaee1488d927736ce2a3a9d1b881c509%3A1706980345%3A8250802&width=1500
/api/media/482865/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=c8577dfd0e090e5531399de33203907a%3A1706980345%3A9686382&width=1500
/api/media/482866/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=5e15d06da13b20bcfa9f2a934e748a16%3A1706980345%3A239845&width=1500
/api/media/482867/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=5aec00ec7cf886bc64ca5f1a619eff20%3A1706980345%3A385307&width=1500
/api/media/482868/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=672d14abf547a98199eb5bad04918302%3A1706980345%3A459170&width=1500
/api/media/482869/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=c6d1590ea148722a792d768771324870%3A1706980345%3A3544615&width=1500
 

Dove si viaggerà prossimamente non può essere deciso con queste notizie. Anche in questo senso ci sentiamo collegati e protetti nella mano di Dio, al quale è attribuita la nostra fiducia.

Giovedì sera è stato un bisogno particolare poter passare nella casa di Dio alcuni momenti di tranquillità. Poter vivere il servizio divino non è più ovvio. Improvvisamente la situazione è tutt'altra, come lo possono vivere molti fratelli e sorelle nella nostra area d'attività. Le restrizioni ordinate a ognuno sono insolite, tuttavia la vicinanza del cuore è presente.

Insieme ai fratelli e le sorelle nella nostra chiesa di Rorbas viviamo l'incontro con la Trinità divina. Oltre al coro della comunità, un coro maschile e di giovani ha raggioito i fratelli e le sorelle. L'ornamento floreale dell'altare ci ha indicato l'arrivo della primavera. Il commiato a distanza e senza la stretta di mano può essere anche cordiale. Questo l'ho potuto vivere.

Una domenica di cambiamento l'ho vissuta nella comunità di Steffisburg. Le condizioni aggravate non hanno trattenuto i fratelli e le sorelle dal servizio divino. Il conducente, il suo sostituto e un diacono sono stati posti a riposo. Un nuovo conducente ha potuto essere incaricato. Le parole "grazie" e "grazie di cuore" sono state appese in tutto l'edificio. L'ornamento floreale dell'altare era meraviglioso. Questi segni interni e esterni mi hanno toccato, essi indicano la stima e il collegamento tra i ministri uscenti e il nuovo conducente. Questo grande consenso l'abbiamo sentito al commiato, nonostante la distanza e senza contatto diretto. Si è spesso udito: la stretta di mano e l'abbraccio li rinviamo a più tardi.

Così iniziamo la settimana seguente con la certezza e la serenità nei cuori: «Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?» (Romani 8, parte vers 31).