Ricerca
comunità e distretti

INSIEME FAR SENTIRE LA VOCE DEL VANGELO

La collaborazione della Chiesa Neo-Apostolica con altre confessioni cristiane in Europa si estende. Questo inizia con dei contatti personali e non si ferma ad adesioni regionali.

 
/api/media/509914/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=e80e41755ebd2b6cedc34aedfad5b02f%3A1707201465%3A952296&width=1500
/api/media/509915/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=a57f7865261c3306de2a92aadb370d40%3A1707201465%3A6556592&width=1500
/api/media/509916/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=1bc38551071c2b255a6f68857ac8446b%3A1707201465%3A5616501&width=1500
/api/media/509917/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=52511585fd143fcd9f2483df0dc17506%3A1707201465%3A1909376&width=1500
 

Gli apostoli Jeannot Leibfried (Francia) e Clément Hæck (Lussemburgo, a riposo dall’estate 2019) hanno effettuato una visita iniziale al cardinale Jean-Claude Hollerich. Il 15 novembre 2019, il più alto rappresentante della Chiesa Cattolica romana in Lussemburgo ha ricevuto i due apostoli nel suo arcivescovado nella città di Lussemburgo. È in un’atmosfera cordiale che il cardinale e i due apostoli hanno discusso sulle sfide che i cristiani devono affrontare in Europa e in Lussemburgo.

L’apostolo a. r. Clément Hæck ha ringraziato il cardinale Hollerich per il suo supporto per l’integrazione della Chiesa Neo-Apostolica al Consiglio delle Chiese cristiane. Era una tappa importante per il lavoro ecumenico, ha detto l’apostolo. Nel frattempo, la Chiesa Neo-Apostolica è rappresentata in tutti i principali organi del Paese: al Consiglio delle Chiese Cristiane, al Consiglio dei Culti, partecipa al dialogo interreligioso con AGIR e InterFaith così anche con la “Luxembourg School of Religion and Society” (LSRS).

Presa di contatto con altri paesi

Durante il colloquio, il cardinale Jean-Claude Hollerich, che presiede anche la Commissione degli Episcopati dell’Unione Europea (COMECE), ha sostenuto gli sforzi della Chiesa Neo-Apostolica per creare e sviluppare le relazioni ecumeniche in Belgio e in Francia. L’apostolo Leibfried ha ringraziato il cardinale per il suo sostegno e per la sua disponibilità nei confronti della Chiesa Neo-Apostolica.

Il numero dei paesi europei nei quali la Chiesa Neo-Apostolica è attiva all’interno delle commissioni ecumeniche nazionali potrebbe così allargarsi in futuro. Oltre il Lussemburgo, si conta per ora: la Svizzera (Consiglio delle Chiese Cristiane, CEC), l’Austria (Consiglio ecumenico della gioventù), i Paesi Bassi (Consiglio ecumenico delle Chiese) e anche la Germania (Consiglio delle Chiese cristiane, ACK).

Il coinvolgimento si estende geograficamente

Le quattro Chiese Neo-Apostoliche regionali tedesche fanno parte del CEC nazionale da aprile 2019. Da allora, tre adesioni supplementari di membri ospiti si sono aggiunte a livello regionale, per cui la Chiesa Neo-Apostolica è ormai rappresentata in quasi tutti i CEC regionali. Nel mese di ottobre 2019, a livello locale, rappresentanti di circa 250 comunità neo-apostoliche partecipano all’interno di 75 Consigli di Chiese cristiane locali.

Discussioni regolari tra CNA e il CEC hanno luogo dal 2001, a livello regionale, e dal 2008, a livello nazionale. Tuttavia, la maggior parte delle adesioni, soprattutto a livello locale, hanno luogo tra gli anni 2014 e 2018. Poco prima, c’è stata una fase intensa di scambi, a fronte della pubblicazione del Catechismo nel 2012, che è passata ad una fase di avvicinamento nel 2015, con la pubblicazione della guida “Fare dei passi gli uni verso gli altri.”

Contributo essenziale verso buone relazioni

L’interlocutore principale era il gruppo di lavoro: “Contatti interconfessionali ed interreligiosi” (GL CII), di cui fanno specialmente parte l’apostolo a. r. Hæck e l’apostolo a. r. Rolf Wosnitzka così come il vescovo Peter Johanning. Il presidente di questa commissione, Volker Kühnle, sarà messo a riposo ministeriale da apostolo il mese prossimo. Come lo sottolineava il sommoapostolo Jean-Luc Schneider in una circolare,” il suo lavoro ha ampiamente contribuito ad avere buone relazioni con altre Chiese”.

La guida internazionale della Chiesa aveva già spiegato a che punto era importante per lui, all’inizio della sua funzione: “Siamo coscienti di essere tutti cristiani”, diceva a metà dell’anno 2013 in un’intervista“. Dobbiamo lottare insieme per il Vangelo, perché la voce del Vangelo deve anche diventare percepibile all’interno della società attuale, ed è per questo motivo e in questa prospettiva che lavoriamo insieme.”

 

Fotografie: Église néo-apostolique du Luxembourg
Autore: Andreas Rother
Data: 26.11.2019
Categorie: Fede