Ricerca
comunità e distretti

Donare a Dio con tutto il cuore

Gesù Cristo ha già portato il massimo sacrificio. Allora, perché dobbiamo fare ancora sacrifici? Ecco cinque buoni motivi e ciò che significano per colui che sacrifica.

 
/api/media/510016/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=21f59689071d4ac88d0dbdf242ffbdd9%3A1707205705%3A5539966&width=1500
/api/media/510017/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=036e670d128abfa80c83360778d6cdac%3A1707205705%3A7109895&width=1500
/api/media/510018/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=005656755b174c9d076b32d70fdbbe0e%3A1707205705%3A9766254&width=1500
/api/media/510019/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=38a8898587a3ed7567678dc69ade5827%3A1707205705%3A4683328&width=1500
/api/media/510020/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=cb1a3de039dcd6ebde298c68fa60c77d%3A1707205705%3A7670420&width=1500
/api/media/510021/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=98490b492a6ed131d851ca31b4596f65%3A1707205705%3A7163542&width=1500
 

Il servizio divino di domenica 15 settembre 2019 a Pago Pago (Samoa americana) si è basato sulla parola biblica in Genesi 4, 4: “Abele offrì anch’egli dei primogeniti del suo gregge e del loro grasso. Il Signore guardò con favore Abele e la sua offerta.”

Innanzitutto il sommoapostolo Jean-Luc Schneider ha esaminato l’Antico Testamento. Per il popolo ebreo, ha citato cinque motivi per portare sacrifici e offerte a Dio:

  • Per adorarlo
  • Per ringraziarlo
  • Per essere in comunione con lui
  • Per implorare il suo aiuto e la sua benedizione
  • Per essere riconciliato con lui.

Tuttavia, il Nuovo Testamento ha cambiato tutto: “Gesù, il Figlio di Dio, ha portato il suo sacrificio.” Questo sacrificio è “perfetto ed eternamente valido per tutti coloro che credono in Gesù Cristo.” Ciò significa che “non abbiamo bisogno di portare sacrifici supplementari per essere salvati.”

Esistono comunque ancora altri buoni motivi per portare sacrifici e offerte a Dio, ha spiegato il sommoapostolo, continuando:

  • L’adorazione e la professione di fede: “Le nostre offerte sono innanzitutto una professione di fede. Crediamo in Dio, nostro Padre. Ci dà ciò di cui abbiamo bisogno sulla terra. Crediamo nel Creatore, crediamo che tutto proviene da lui. Siamo interamente dipendenti della sua grazia.”
  • L’espressione della riconoscenza: “Portiamo dunque le nostre offerte per ringraziare il nostro Donatore. Ringraziamo Dio per la salvezza che ci offre. Ringraziamo Dio facendo il bene, aiutando altrui e condividendo il nostro tesoro spirituale. Ringraziamo Dio per tutto ciò che viviamo nella sua Chiesa. Ed è per questo che portiamo le nostre offerte, per sostenere la Chiesa.”
  • Il desiderio della comunione: “E per essere in comunione con Cristo, dobbiamo rinunciare a tutto ciò che non corrisponde a Gesù.” In particolare il peccato in tutte le sue forme, i pensieri e le opinioni che non corrispondono a quelle di Gesù, così anche i desideri e le preghiere non esauditi da Dio.”
  • Il desiderio di perdono: “Grazie al sacrificio di Gesù Cristo, non abbiamo più bisogno di portare offerte per ricevere il perdono.” Tuttavia, ”Gesù si aspetta da noi che rinunciamo a qualcosa.” Per esempio abbandoniamo le accuse contro il nostro prossimo, ogni pensiero di vendetta e pensiero di giustizia umana. “È anche un sacrificio spirituale per ottenere il perdono.”
  • La fiducia in Dio: “E succede anche di avere una preghiera speciale. Prego e porto un’offerta speciale a Dio. È ovvio che non possiamo comprare l’aiuto di Dio. Di conseguenza, perché lo facciamo? Vogliamo dimostrare a Dio a che punto ci teniamo a questa preghiera. Tramite la nostra offerta, vogliamo ringraziare Dio, prima ancora che abbia esaudito la nostra preghiera. E facendo ciò, vogliamo provare a Dio: Mi fido di te. Tu mi aiuterai, e, qualsiasi cosa tu faccia, sarà la giusta soluzione per me.”

Come per Abele: “Ciò che conta, è il nostro cuore, e non le offerte che facciamo”, ha sottolineato il sommoapostolo Schneider. “Dio benedirà tutti i sacrifici e le offerte che portiamo con un cuore puro. Il mio desiderio è che possiamo tutti sperimentarlo.”

 

Fotografie: NAC Western Pacific
Autore: Andreas Rother
Data: 13.11.2019
Categorie: Fede