Ricerca
comunità e distretti

Colui che viene in nostro aiuto, più grande di ogni afflizione

Tutto e tutti erano contro di lui. Ma niente e nessuno poteva vincere la potenza del suo amore: a volte, bisogna dire alle avversità quanto è grande questo aiuto – un riferimento al nostro innario.

 

Sommoapostolo Jean-Luc Schneider, 18 settembre 2022, Amburgo (Germania).

Cari fratelli e sorelle, abbiamo iniziato questo servizio divino con un inno che abbiamo cantato insieme. E devo dire che sono felice che si possa finalmente di nuovo cantare insieme normalmente nelle comunità. L’inno che abbiamo cantato, Spera, alma mia (301 innario italiano, NdT), lo conosciamo a memoria da anni. Ma, questa mattina, una frase mi ha profondamente toccato: “L’afflizione non è più grande di colui che aiuta” (NdT: traduzione letterale, questo passo non ha traduzione nell’innario italiano). È ciò che vorrei deporre nel cuore di tutti per tenerlo con sé: Per quanto possa essere grande l’afflizione, chi viene in tuo aiuto è più grande della tua afflizione!

Chi viene in nostro aiuto? È Gesù Cristo. Pensa a lui! È stato esposto alla più grande delle afflizioni, tutti erano contro di lui: il potere politico di quei tempi, lo Stato di allora era contro di lui, il potere religioso era contro di lui, il popolo era contro di lui, la giustizia, il tribunale era contro di lui, tutta la società era contro di lui! E, malgrado questa ingiustizia, malgrado il dolore fisico e l’afflizione morale, ha superato tutto. Non sono riusciti a costringerlo a smettere di amare. Ha continuato ad amare e li ha sconfitti tutti. Era il più forte. È resuscitato, ha anche sconfitto la morte.  È lui che viene in tuo aiuto! E anche se la tua afflizione personale è molto grande, se hai l’impressione: la potenza che mi osteggia è così grande! Non preoccuparti: colui che viene in tuo aiuto è più grande della tua afflizione.

È una consolazione; ma è anche un avvertimento. Vogliamo fare in modo che, anche per noi, l’afflizione non sia o non diventi più importante di colui che viene in nostro aiuto. Questa deve essere la nostra disposizione di cuore. Se ci commiseriamo e ci concentriamo totalmente sull’afflizione, potrebbe subito succedere che diamo più importanza alla nostra propria afflizione che a colui che viene in nostro aiuto.

Sì, a volte siamo in grande difficoltà. Ma il nostro legame con Gesù Cristo è più importante per noi della nostra afflizione. E per quanto grande possa essere, non deve compromettere il nostro legame con Dio. Questo è il limite! E solo una persona può determinarlo: tu stesso!

Se il nostro legame con Gesù Cristo è sempre la cosa più importante, allora colui che viene in nostro aiuto può anche aiutarci.

 

Autore: Andreas Rother
Data: 29.10.2022
Categorie: Fede