Ricerca
comunità e distretti

I sacramenti (65): Sulla terra come sulla terra

Azioni in questo mondo per l’aldilà: perché è necessario? Gesù Cristo stesso ha dato l’esempio venendo sulla terra per portare la salvezza ai vivi ed ai morti. E questo segna anche la natura dei sacramenti.

 
/api/media/530885/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=0d3295f67def3b87984d058bb208f970%3A1707202552%3A8286431&width=1500
 

I sacramenti sono legati in modo causale all’incarnazione di Dio in Gesù Cristo. “La salvezza sacramentale è fondata sull’incarnazione, sulla morte sacrificale e sulla risurrezione di Gesù Cristo così come sull’invio e sull’attività dello Spirito Santo.” (CCNA 8).

Come la Chiesa cattolica e la Chiesa protestante, la Chiesa Neo-Apostolica insegna che Gesù ha istituito i sacramenti, che ne è quindi il maestro e l’origine. Dopo la sua risurrezione, Gesù ha incaricato gli apostoli di dispensare i sacramenti. I sacramenti – questa è una delle posizioni fondamentali della fede neo-apostolica – sono necessari per entrare in una nuova relazione con Dio, per ricevere la salvezza in Cristo e per far parte della Chiesa-Sposa.

 

La salvezza ottenuta su questa terra

L’incarnazione di Dio in Gesù Cristo avviene nella storia. Succede in un determinato momento ed in un determinato luogo. Accade all’epoca in cui “Quirinio era governatore della Siria” (Luca 2, 2), nell’attuale Palestina.

Non è diverso per la morte di Gesù, che i cristiani vedono come un evento salvifico. Gesù ha “sofferto sotto Ponzio Pilato, è stato crocifisso, è morto ed è stato sepolto”, come dicono il Simbolo degli apostoli e la confessione della fede neo-apostolica.

La salvezza è stata creata da Gesù Cristo su questa terra, ma ha una validità universale, riguarda la creazione, cioè il cielo e la terra (Colossesi 1, 20). Ecco perché, all’epoca del Nuovo Testamento, ci si faceva battezzare per i morti. (I Corinzi 15, 29).

 

I sacramenti rispecchiano la natura di Gesù

In un certo modo, i sacramenti rappresentano la natura di Gesù:

  • La natura umana di Gesù è visibile, la sua natura divina è nascosta. Per la sua natura umana, Gesù è vero uomo ed è creatura, per la sua natura divina, è vero Dio e non creato.
  • Ritroviamo anche la struttura della dottrina delle due nature nei sacramenti, che hanno un lato visibile e materiale, ed un lato invisibile ed immateriale. Essi rimandano alla terra, perché l’acqua, il vino e il pane gli appartengono, e rimandano al cielo, perché è in loro che si manifesta la salvezza di Dio l’Eterno.

Il legame strutturale tra i sacramenti e l’incarnazione di Dio in Gesù Cristo è particolarmente evidente nella Santa Cena. Il Catechismo parla del fatto che nella Santa Cena, “il pane e il vino corrispondono alla natura umana e il corpo e il sangue, alla natura divina di Cristo.” (CCNA-DR 497 e seguenti).

 

I sacramenti forniscono la salvezza

Chi vuole ricevere la salvezza dipende quindi dalla ricezione dei sacramenti, che hanno sempre però un aspetto terreno laico. La Chiesa Neo-Apostolica insegna: “Come Gesù si è sacrificato quaggiù, è anche sulla terra che gli apostoli divulgano la salvezza.  Visto che i sacramenti hanno sempre un aspetto visibile, possono essere dispensati solo nell’ambito delle cose visibili. L’efficacia dei sacramenti, questi elementi essenziali alla divulgazione della salvezza, è la stessa per i vivi e per i morti.” (CCNA-DR 545 e seguenti).

 

 

Raccolta tra i vivi e i morti

Una missione primordiale dell’apostolato è la raccolta della Chiesa-Sposa e la sua preparazione in vista del ritorno di Cristo. La nostra Chiesa è certa che la Chiesa-Sposa deve essere cercata e raccolta non soltanto tra i vivi ma anche tra i morti.

Affinché questa missione sia compiuta, è necessario che i sacramenti siano anche dispensati ai morti. Quelli che sono rigenerati di acqua e di Spirito, cioè quelli che sono stati battezzati e suggellati nonché quelli che sono stati fortificati tramite la Santa Cena, sono chiamati a formare la Chiesa-Sposa ed a proclamare il Vangelo nel regno di pace.

 

Fotografie: adobestock
Autore: Reinhard Kiefer
Data: 18.10.2022
Categorie: Fede