Ricerca
comunità e distretti

Pregare affinché le ricchezze che abbiamo, le abbia anche il nostro prossimo

07.05.2023

Il vescovo Ivan De Lazzari visita la comunità di Carrara, domenica 7 maggio 2023. La temperatura mite della primavera, il cielo azzurro e le parole dei ministri riscaldano i cuori dei membri della comunità ed anche dei fedeli provenienti dalla Germania.
 
/api/media/537170/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=7dc7db60fc265d12566d5f8a9b5dc78e%3A1727124891%3A1639026&width=1500
/api/media/537171/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=d6446f970cb380aab5b428964da453b7%3A1727124891%3A7238998&width=1500
 

Il vescovo Ivan De Lazzari, domenica 7 maggio 2023, ha fatto visita alla comunità di Carrara. Il clima primaverile attrae già i turisti: infatti, alcuni fratelli e sorelle provenienti dalla Germania hanno assistito al servizio divino domenicale, giunti in bici dal luogo di villeggiatura.

Per il servizio divino il vescovo ha utilizzato la parola tratta dal libro di Ezechiele, capitolo 36, versetto 27: ”Metterò dentro di voi il mio Spirito, e farò sì che camminerete secondo le mie leggi, e osserverete e metterete in pratica le mie prescrizioni”. Per far comprendere meglio il versetto, il vescovo ha evidenziato la condizione in cui si trovavano i discepoli di Gesù quando quest’ultimo ha lasciato la terra. Gesù, infatti, ha mandato lo Spirito Santo quale Spirito consolatore. Anche i fedeli, che oggi ricevono il dono dello Spirito Santo, possono ascoltare e lasciarsi guidare da Dio; bisogna attendere pazientemente che gli eventi maturino al tempo giusto e non essere impazienti nell’attesa del ritorno di Cristo.

Un modo per vincere l’impazienza è convincersi che, appunto, sia meglio lasciarsi guidare da Dio; nell’attesa, si può seguire la regola dell’amore e del perdono che ci ha insegnato Cristo.

Il conducente distrettuale dell’Italia Centro, evangelista Roberto Bedini, ha sottolineato che è importante ambire sempre alla felicità eterna che ci offre il Padre Celeste ed allontanarsi da quella effimera che ci offre la vita terrena.

Al termine del servizio divino la comunità di Carrara ha salutato con gioia il vescovo, mentre i fratelli giunti dalla Germania hanno nuovamente inforcato le proprie biciclette diretti verso il mare.