Ricerca
comunità e distretti

Nozze di diamante a Sambuca di Sicilia

17.12.2023

Sabato 16 e domenica 17 dicembre, l'apostolo Rolf Camenzind, accompagnato dal vescovo Ivan De Lazzari, si reca in Sicilia.
 
/api/media/543222/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=05cb5bf97e019e80592fd60001b40231%3A1740279728%3A3346808&width=1500
/api/media/543223/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=49e79c0b40d4043f1aec0091621d9ef9%3A1740279728%3A1072267&width=1500
/api/media/543224/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=25476c9784a6b265de66e4a7335b0ab1%3A1740279728%3A3851705&width=1500
 

Sabato 16 dicembre 2023, in occasione delle nozze di diamante dei coniugi Rizzuto, l'apostolo Camenzind ha celebrato un servizio divino a Sambuca di Sicilia, nella Valle del Belice, in provincia di Agrigento.

La parola biblica servita di base al servizio divino si trova in Efesini 2, 8-10: "Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi: è dono di Dio. Non è in virtù di opere buone, che Dio ha precedentemente preeparate affinché le pratichiamo."

L'apostolo Camenzind ha ricordato il periodo che i coniugi hanno trascorso in Svizzera, nella comunità di Locarno, dove il fratello Rizzuto servì da sacerdote e, dopo il suo ritorno, continuò in Sicilia. L'apostolo ha poi detto ai coniugi che sicuramente questo bel traguardo non è stato raggiunto senza difficoltà, ma senza alcun dubbio, non è mancata l'abbondante benedizione di Dio, mediante la quale ha fatto conoscere loro la sua volontà.

Domenica 17 dicembre, l'apostolo Camenzind, insieme al vescovo De Lazzari, ha visitato la comunità di Palermo e, servito i presenti con la parola biblica in Giovanni 1, 6-7: "Vi fu un uomo mandato da Dio, il cui nome era Giovanni; egli venne come testimone per rendere testimonianza alla luce, affinché tutti credessero per mezzo di lui."

Siamo stati invitati a testimoniare per l'Opera di Dio annunciando la salvezza di Cristo. Per essere salvati però, non è sufficiente ricevere lo Spirito Santo e partecipare ai servizi divini, ma bisogna manifestare nel mondo la luce di Cristo che abbiamo ricevuto. Vogliamo che la nostra luce sia costantemente accesa e non intermittente, accendendola o spegnendola a nostra convenienza. Vogliamo dunque essere una luce sicura e costante per noi e per gli altri.