Ricerca
comunità e distretti

A Pasqua vedere il sommoapostolo da casa

30.03.2020

Pasqua è la „festa del conforto e della speranza“: questo lo dice il sommoapostolo Jean-Luc Schneider. E non a caso, egli vuole dare un messaggio chiaro con un servizio divino per il mondo intero.
 
/api/media/483813/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=f46e5f131476e65e36994bdbd27b9552%3A1638271218%3A2068510&width=1500
 

Sicuramente con trasmissione video su tutta la terra, la Chiesa Neo-Apostolica ha fatto molte esperienze in questo campo: è dal 1990 che il servizio divino centrale di Pasqua è trasmesso regolarmente per satellite. Questo canale, in questa crisi corona, è già pronto.

Pensare all'onnipotenza divina
„Per me è importante che i fedeli, nonostante tutto, abbiano la possibilità di festeggiare Pasqua in comunione“, sottolinea il sommoapostolo. Proprio in questi tempi di crisi è molto importante pensare alla risurrezione di Gesù Cristo. Proprio questo ha testimoniato l’onnipotenza di Dio, come pure la presenza del Figlio di Dio tra gli uomini: „Gesù Cristo ha la potenza di mantenere ciò che ha promesso!“

In accordo con gli apostoli di distretto, il sommoapostolo ha deciso di offrire il servizio divino di Pasqua (12.04.2020) in un modo particolare: un servizio divino trasmesso su tutta la terra, celebrato dal sommoapostolo stesso. Se non ci saranno intoppi, i cristiani neo-apostolici avranno la possibilità di vedere e sentire dal vivo, o più tardi con la registrazione, la loro guida della Chiesa.

„Informeremo a tempo debito sui dettagli tecnici per la ricezione del servizio divino di Pasqua con il sommoapostolo Jean-Luc Schneider.“, scrive il portaparola della Chiesa Peter Johanning. Per lui è chiaro: „Una cosa del genere non è mai avvenuta nella storia della Chiesa Neo-Apostolica.“