Ricerca
comunità e distretti

La prima visita del nuovo apostolo di distretto Giorgio Zbinden in Italia

15.07.2018

Domenica 15 luglio 2018 il servo di Dio, a poco più di un mese nel suo nuovo incarico, ha fatto già la sua prima visita in Italia, a Milano.
 
/api/media/503865/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=49cc67e4b6973123faf2f0ff2ca9b0e5%3A1632097170%3A3810887&width=1500
/api/media/503866/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=065c8253e6ee8dba8631337ba870d67b%3A1632097170%3A5062737&width=1500
/api/media/503867/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=f811b618b2a578bfb2e23af74934734a%3A1632097170%3A1759338&width=1500
/api/media/503868/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=16ab3130eb071376f646951ba9d614f7%3A1632097170%3A7452554&width=1500
/api/media/503869/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=2c71038c955972b4715545d195ac8cab%3A1632097170%3A7797049&width=1500
/api/media/503870/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=09a9bd66ca61f402a09cd6312c3ccd49%3A1632097170%3A8883178&width=1500
/api/media/503871/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=3da7132d364d246a5ab6e7c696f32bbb%3A1632097170%3A663921&width=1500
/api/media/503872/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=e2dd47976e8335d7f5f1637bfc4aa210%3A1632097170%3A1988627&width=1500
/api/media/503873/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=5dfc5097a4dd4df94626ff3bb702e96e%3A1632097170%3A7398874&width=1500
/api/media/503874/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=855ca19dddfb27992821b98ccdd8b046%3A1632097170%3A3546884&width=1500
 

L’apostolo di distretto Giorgio Zbinden ha visitato fratelli e sorelle appartenenti al distretto Italia Nord-Ovest, riuniti nella chiesa di Milano. Lo ha accompagnato l’apostolo Rolf Camenzind.

Un folto gruppetto di bambini e giovani era pronto all’ingresso dell’edificio di culto, tutti “armati” di gioiosi sorrisi e di un cartello di benvenuto. Per i servizio divino, quale base della predica, l’officiante ha utilizzato una parte del Vangelo di Luca 5, 5: “«però, secondo la tua parola, getterò le reti»”. Questa fu l’esclamazione di Simone (poi divenuto Pietro), allorché Gesù invitò lui e gli altri pescatori a gettare nuovamente le reti, ma dall’altra parte, dopo una notte in cui non avevano pescato nulla. Contro ogni logica Pietro ascoltò il Signore e al ritorno le reti erano pienissime di pesci.

Le reti della fede
Oggi questa storia ha un significato anche per noi, che di tanto in tanto ci troviamo in situazioni simili e siamo delusi o scoraggiati. Magari tante volte esclamiamo: “come si può continuare così?!”. Invece, ascoltiamo la parola e lasciamoci impressionare da ciò che Gesù ha in serbo per noi, anche se ciò sembra incredibile, affidiamoci a Lui e ascoltiamolo, poiché ha pensieri grandi per tutti gli uomini. Ovviamente la fede e la fiducia sono la chiave per vivere la benedizione divina. Se Dio ci regala qualcosa lo farà in abbondanza. L’apostolato odierno dice ancora oggi a noi di gettare le reti:

  • la rete della fede: nel dubbio, gettiamola nuovamente nel mare, per pescare nuovo vigore;
  • la rete dell’amore verso il prossimo: l’amore di Dio non è solo per noi, mettiamolo a disposizione;
  • la rete della consolazione: questa può cambiare molto nel mare della tristezza e del dolore;
  • la rete della comunione fraterna: se ci sentiamo soli possiamo entrare nella comunione divina;
  • la rete delle verità divine: il mare della menzogna è grande, ma noi vogliamo portare verità;
  • la rete della conoscenza: conosciamo il piano di redenzione; Gesù è il Salvatore di tutti;
  • la rete del bene: il male dilaga, lasciamo vincere il bene;
  • la rete della riconciliazione e del perdono: imitiamo l’amore incondizionato e salvifico di Dio. L’apostolo di distretto ha concluso affermando che solo così facciamo passi importanti verso la nostra meta celeste.

In questo servizio divino non è mancata la festa dello Spirito Santo. Un fratello ha ricevuto, con l’imposizione delle mani dell’apostolo e nel nome della Trinità divina, il Santo Suggello. Ora egli si aggiunge al gregge di Dio, preparandosi per la Prima Risurrezione, mettendo a disposizione i doni che Dio gli ha dato.

Per questa particolare domenica, l’apostolo di distretto ha anche somministrato la Santa Cena a favore dei defunti, riponendo le ostie consacrate, il corpo ed il sangue di Gesù, nelle mani dei due evangelisti Renato De Marco e Adrian Gaetani, per la consolazione e la pace delle anime redente.

Un ricco buffet, organizzato e messo a disposizione con l’impegno del Gruppo Eventi, ha consentito a tutti i fratelli e le sorelle di chiudere questa ricca mattinata ancora in compagnia dell’apostolo di distretto.