Ricerca
comunità e distretti

Maranatha – una fede forte (1/2)

Dio è onnipotente, è eterno e trino. Questa credo è descritto dettagliatamente da molti secoli nelle professioni di fede. La certezza del ritorno di Gesù Cristo può, anche lei, unire i cristiani di oggi.

 
/api/media/349311/process?crop=fixwidth&filetype=jpg&height=1500&token=fba994443ce740c5a8d1a7cede8b681d%3A1626327808%3A647987&width=1500
 

In questi giorni, le riviste Comunity e, in tedesco, Unsere Familie pubblicano un testo dottrinale scritto dal sommoapostolo Jean-Luc Schneider relativo al ritorno di Cristo. In un primo tempo, la guida internazionale della Chiesa aveva elaborato questi pensieri nella cerchia degli apostoli di distretto; li ha poi consegnati ai 260 000 fratelli del ministero della Chiesa mondiale, sotto forma di un numero speciale dei Pensieri guida.

Lo Spirito Santo opera nella Chiesa

“I cristiani credono che lo Spirito Santo è presente e opera nella Chiesa (Catechismo in domande e risposte (CCNA-DR) n°712)”, scrive il sommoapostolo citando i tre punti tramite i quale possiamo riconoscere l’opera dello Spirito Santo nella Chiesa:

  • La promessa del ritorno di Gesù Cristo è mantenuta viva (CCNA-DR 203);
  • Gli apostoli, colmi dello Spirito Santo, sono all’opera per preparare i fedeli in vista del ritorno di Gesù Cristo (CCNA-DR 433);
  • La predica, suscitata dallo Spirito Santo, mira a focalizzare la Chiesa sulla venuta di Gesù Cristo (CCNA-DR 626)

Gli apostoli operano nelle comunità

Come si può concretamente, nel 21° secolo, tenere viva nel cuore dei credenti la promessa di Dio di inviare di nuovo suo Figlio? Il sommoapostolo Schneider vede due modi interessanti per l’apostolato, perché: “Gli apostoli hanno ricevuto la missione di dispensare il Santo Suggello, che fa del credente l’erede di Dio, e di prepararlo in seguito nella prospettiva del ritorno di Cristo.” Secondo l’invito del sommoapostolo, gli apostoli devono: aumentare l’amore dei fedeli e fare in modo che la Chiesa sia un assaggio del futuro regno di Dio.

1° missione: Aumentare l’amore dei fedeli

È una grande sfida per tutti, ma: “Tramite il Santo Suggello, Dio permette all’uomo di prendere parte alla sua natura, spargendo nel suo cuore il dono del suo amore (Romani 5,5). Questo amore fa nascere nel credente il desiderio di amare (I Giovanni 4, 19)”, si è espressa la guida della Chiesa. E gli apostoli possono aumentare l’amore nel cuore di ogni credente:

  • Mostrando la grandezza del sacrificio di Gesù;
  • Consentendo ai credenti di condividere il merito di Cristo;
  • Annunciando l’eredità che Dio ha in serbo per lui;
  • Mostrando l’amore di Cristo tramite la cura e la comprensione.

Il credente, che conosce veramente l’amore di Cristo, desidera ardentemente essere presso Gesù, ha proseguito il sommoapostolo Schneider. Questo desiderio è nella sua preghiera quotidiana: “Vieni, Signor Gesù!”. Come prima conclusione, la guida della Chiesa ha evidenziato questo: ”Grazie all’insegnamento degli apostoli e alla degna ricezione della Santa Cena, i fedeli possono crescere in Cristo. L’amore di Cristo li rende capaci di vincere l’egoismo e l’indifferenza e di aprirsi agli altri”. Questo si manifesta molto concretamente: i fedeli si prendono cura del loro prossimo, si sforzano di far scoprire Cristo agli altri grazie alla loro testimonianza, implorano la salvezza per tutti e si preparano in vista del Regno di pace, nel quale la salvezza sarà annunciata a tutti.

2° missione: Delineare la Chiesa

“Il nostro obiettivo”, scrive il sommoapostolo Schneider, “è di fare in modo che chiunque possa riconoscere che Gesù governa la sua Chiesa.” La presenza di Gesù Cristo è riconoscibile grazie ai seguenti segni:

  • Con l’aiuto di Gesù, riusciamo a creare una relazione cristiana con il nostro prossimo;
  • Gli accusatori possono stare zitti, perché nessuno parla più delle colpe che Gesù ha perdonato;
  • Non si discute più per sapere chi è il più grande: ognuno è disposto a mettersi al servizio dell’altro;
  • Le differenze umane svaniscono davanti a l’unità in Cristo;
  • Le cose materiali non primeggiano più sulle preoccupazioni spirituali.

Un altro compito incombe ancora sui fratelli del ministero, scrive la guida della Chiesa: “quello di santificarci con la preghiera, con la lettura della Bibbia e con la meditazione sui suoi contenuti, affinché i servizi divini che celebriamo siano, per i fedeli, dei veri incontri con Gesù”.

Il sommoapostolo Schneider ha riassunto così: “Il ritorno di Gesù costituisce il compimento della nostra vita: la grazia di Dio ci permetterà allora di essere ciò per cui Dio ci ha creati. Il ritorno di Cristo è un atto divino fondato sull’amore che Dio volge a tutti gli uomini.”

Contesto:
Maranatha - richiamo aramaico nella preghiera proveniente dai primi tempi del cristianesimo significa, secondo l’Apocalisse 22, 20: “Vieni, Signor Gesù!” Come grido per la seconda venuta del Signore, testimonia l’attesa impaziente del suo ritorno imminente (Herder, Lessico di teologia e della Chiesa).

 

: Rawpixel.com - stock.adobe.com
: Oliver Rütten
: 02.10.2019
: Fede